Autonomia, i paletti del M5S:
ok se non fa fuori il Sud

di Marco Esposito

Sale la febbre sull'autonomia differenziata. Il fronte del Nord, Lombardia e Veneto in prima fila, preme per portare a casa il risultato prima dello stop di Natale. I Cinquestelle sono pronti al via libera ma con due condizioni non proprio facili da mandar giù per gli autonomisti: saldi invariati e livelli essenziali delle prestazioni garantiti lungo l'intera penisola.

Né Matteo Salvini, né Luigi Di Maio sul punto vogliono perderci la faccia. Salvini ha più volte assicurato che il via libera del Consiglio dei ministri sarebbe arrivato entro l'autunno, cioè in questa settimana, e dai territori i leghisti spingono per far partire l'autonomia anche a costo di diluire nel tempo la riscrittura della Fornero con Quota-100 sulle pensioni. Di Maio nelle dichiarazioni pubbliche in Veneto e Lombardia ha assicurato che l'autonomia si farà però, nello stesso tempo, ha lanciato messaggi per rassicurare i parlamentari e i consiglieri regionali del Mezzogiorno che l'autonomia sarà costruita in modo da non sottrarre un euro al Sud.

La questione dei saldi, cioè dei soldi, è centrale. Lo ha sempre detto con chiarezza Luca Zaia, governatore del Veneto, fissando l'asticella alla conquista di nove decimi delle tasse pagate dai contribuenti veneti. Una regoletta che, da sola, toglierebbe oltre 3 miliardi di euro l'anno ai territori con minore capacità fiscale, con effetti diretti nel settore della scuola, la più importante delle 23 materie aggiuntive richieste dal Veneto. Zaia ieri ha detto: «Spero che la partita dell'autonomia si chiuda entro questa settimana, abbiamo già chiuso la norma finanziaria che era quella che più ci stava a cuore», confermando così che il cuore batte vicino al portafogli. Il vero obiettivo sono i soldi, vale a dire fare in Veneto le cose che oggi fa lo Stato ma con maggiori risorse. Ottenute come? In base al principio - non proprio rispettoso dell'equità - che i fabbisogni di istruzione dei ricchi siano superiori a quelli delle persone con redditi bassi. Invece il collega della Lombardia, Attilio Fontana, segue una strategia diversa da Zaia. Non parla mai di risorse preferendo il dualismo tra vecchio e nuovo: «Nessuno - ha detto ieri alla scuola di formazione politica della Lega - se non dei vecchi arnesi, può opporsi a questa riforma, che è una sfida per tutto il Paese».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 17 Dicembre 2018, 15:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP