Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Generali, meno utili nei sei mesi: forte perdita del patrimonio netto

Mercoledì 3 Agosto 2022 di Christian Martino
Generali, meno utili nei sei mesi: forte perdita del patrimonio netto

Semestre negativo per Generali, che ieri in Borsa ha chiuso in ribasso dell’1,9% a 14,60 euro dopo aver aperto la seduta in rosso di quasi il 3%. Nei primi sei mesi del 2022 la compagnia triestina ha realizzato un utile netto di 1.402 milioni contro i 1.540 milioni del giugno 2021 (-9%), un utile per azione di 0,89 euro contro 0,98 euro dello scorso anno (-9,30%) e un patrimonio netto ridotto a 19,078 miliardi da 29,308 miliardi con una perdita pertanto del 34,9% rispetto al dato nel bilancio del 31 dicembre 2021. È soprattutto su queste tre grandezze in perdita - fortemente in perdita per quanto riguarda il patrimonio netto – che ieri mattina si è focalizzato l’interesse degli operatori determinando l’andamento negativo del titolo per tutta la seduta.  

Dopo l’esame del bilancio semestrale, il consiglio di amministrazione delle Generali ha integrato i comitati consiliari dove entrano i tre consiglieri della lista Caltagirone: Flavio Cattaneo partecipa al Comitato parti correlate e investimenti, di cui è presidente; Marina Brogi partecipa al Comitato controllo e rischi, remunerazioni, nomine e corporate governance; infine Stefano Marsaglia, cooptato in cda al posto del dimissionario Francesco Gaetano Caltagirone, è stato inserito nel Comitato per l’innovazione e la sostenibilità sociale e ambientale: in quest’ultimo comitato figurano inoltre il presidente Umberto Malesci, Alessia Falsarone, Antonella Mei-Pochtler.

Si segnala infine che Generali ha avviato il riacquisto di azioni proprie (buyback) in esecuzione della delibera dell’assemblea degli azionisti del 29 aprile, che ha autorizzato l’ acquisto e la disposizione di azioni proprie, ai fini dell’annullamento e in una o più volte, per un esborso complessivo massimo di 500 milioni di euro e per un numero massimo di azioni corrispondente al 3% del capitale per un periodo sino al 29 ottobre 2023. 

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 09:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA