Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Grappa, rischio paralisi della produzione
per i costi di energia e vetro»

Lunedì 19 Settembre 2022
Allarme dei produttori di grappa

Il settore distillatorio italiano sta vivendo una gravissima crisi che può portare diversi produttori al blocco di produzione per l’anno in corso», dichiarano il presidente di AssoDistil Antonio Emaldi e il presidente del Consorzio nazionale grappa Sebastiano Caffo. «I costi del vetro, aumentato di un ulteriore 25% nel solo mese di settembre, come quello del metano e di tutte le altre fonti energetiche stanno scoraggiando il settore a produrre grappa e acquaviti. SI rischia la paralisi. Nel caso si avverasse questo scenario si avrebbe un danno enorme e incalcolabile per un prodotto rappresentativo ed iconico del made in Italy nel mondo quale è la grappa. Per questo chiediamo con forza un intervento a sostegno del settore da parte del Governo», rimarcano i due presidenti.

«Rappresentiamo 57 aziende che concorrono per il 95% circa alla produzione nazionale di acquaviti e di alcole etilico da materie prime agricole e da biomasse e queste realtà sono allo stremo - ricordano Ermaldi e Caffo - in una missiva del maggio scorso avevamo già investito del problema il ministro Giancarlo Giorgetti senza avere risposte e aiuti». «Già allora - proseguono - evidenziavamo come il drammatico aumento dei costi energetici, oltre il 400% per il metano nei primi 4 mesi dell’anno, ponesse la categoria in un’enorme difficoltà. Questa tempesta perfetta si è ulteriormente aggravata e le prospettive nell’immediato appaiono drammatiche».

«Rinnoviamo con forza l’invito già avanzato a maggio al ministro Giorgetti perché si giunga a una mitigazione dei costi delle materie prime e a una riduzione delle accise sulle bevande spiritose del valore di Euro 2,50/L anidro in modo da preservare la filiera nazionale» concludono Ermaldi e Caffo.

Ultimo aggiornamento: 21 Settembre, 10:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA