Monza, minacce a guida napoletana
Lei: «Mi arrendo, devo chiudere»

21
  • 8588
Stefania Castiglione è una guida turistica napoletana che s'è trasferita a Monza tre anni fa. Ha portato nel bagaglio anche la passione per il suo mestiere, così ha deciso di fare la guida turistica anche nella sua nuova città. Ha scovato nuovi percorsi, ha presentato agli stessi monzesi luoghi semisconosciuti o addirittura dimenticati. S'è meritata anche il sostegno dell'assessore alla cultura di Monza che ha deciso di condividere con la guida napoletana trapiantata a Monza progetti di rilancio di luoghi e di sviluppo turistico.
Ma quel personaggio solare non è andato a genio a qualcuno. Nonostante i 1.500 follower della sua pagina Facebook, quasi tutti monzesi, Stefania ha scoperto, a sue spese, che l'entusiasmo non basta: quella «napoletana» stava prendendo troppo spazio nel cuore della brianza. Così sono arrivati messaggi nemmeno troppo velati: smetti di fare quel che fai.
Stefania per un po' ha resistito, poi ha pensato alle sue bimbe e s'è detta che era meglio evitare di trovarsi nei guai. Ha convocato una riunione con le persone che la seguivano nelle sue scorribande artistiche e, tra le lacrime, ha detto che hanno vinto «gli altri»: la guida turistica napoletana a Monza ha alzato bandiera bianca.
Questione di razzismo? Stefania sospira al telefono: «Ho scoperto sulla mia pelle che gli atteggiamenti camorristici esistono in tutt'Italia».
p. b.
Giovedì 20 Settembre 2018, 17:44 - Ultimo aggiornamento: 20-09-2018 18:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-09-22 09:57:10
...si si è solo un "caso", un'eccezione che conferma la regola per quelli appartenenti alla razza superiore : NOI NAPOLETANI SIAMO ANTROPOLOGICAMENTE CRIMINALI!!! lo ha anche confermato il grande imprenditore patano GIANLUCA BRAMBILLA nella trasmissione AGORA' trasmessa dalla RAI. si si, è proprio così.....
2018-09-21 12:21:27
E' vero che al sud c'è camorra, ecc., ma non dimentichiamo che il nord è pur sempre il luogo natio delle brigate rosse, non meno pericolose delle mafie. Mi sembra improprio chiamare in causa Salvini, visto anche il post di un utente che, giustamente, parla di lecenze di valore regionale. La storia va approfondita.
2018-09-21 10:33:35
Signora Stefania ho sofferto quanto lei Lavorando al Nord ecco ora vivo negli States qui e' differente se incomtro un italiano non mi deve dare ils ervito tu sei del Sud ed io del Nord non funziona cosi' in Texas ecco perche' io vivo qui io qui sono una cittadina Italiana punto, In italia invece ero cittadina italiana di serie B solo perche ero del Sud, Alla fine mi hanno fatto un piacere perche' io qui ho trovato la terra promessa quello che non mi ha offerto la Patria Italiana! Shame shame shame 1000 times shame to the Italian razzist contro la gente del sud che poi tra l atro ora molta gente che vie al nord ha sangue del Sud ma lo rinnegano! vigliacchi venduti! e voi crederte che il problem adell italia sono gli immigranti? no non e' vero il problema del italia e' il NORD! Napoletana expat per sempre!
2018-09-22 15:47:00
Quindi secondo tè la mafia nigeriana che si è stabilita a Castelvolturno non è un problema? Non ne avevamo gia' una in Campania? Ci dovevamo "abbuffare" con un altra proveniente dalla Nigeria e MOOOOOOLTO piu' criminale? L'analogia Campania-Texas è ridicola. Il Texas è uno Stato ricco e puo' anche accogliere tè, napoletana, a lavorare, ma la Campania che ha milioni di disoccupati e poveri puo' permettersi di far entrare stranieri a lavorare se lavoro non ce n'è neanche per Noi?
2018-09-21 08:58:49
Gentilissima Stefania,la soluzione a questo spiacevolissimo episodio,potrebbe essere quella di rientrare a Napoli.In fondo,la nostra città,anche se vive una realtà "da precaria"un po' per le amministrazioni che funzionano poco,un po' per una parte di residenti che non hanno rispetto per ambiente,regole e legalità;molto per problemi socio economici mai adeguatamente affrontati e risolti,ma sotto l'aspetto dell'offerta turistica quindi storia,cultura,arte,bellezze naturali,prelibatezze della gastronomia nostrana da proporre ai turisti,ha molto in più da dare rispetto alla Brianza.

QUICKMAP