Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Delfini militari schierati dalla Russia nel Mar Nero durante la guerra. «Servono a sventare gli attacchi dei sottomarini nemici» Il progetto Usa

Le immagini satellitari hanno svelato due recinti nel porto di Sebastopoli, in Crimea

Giovedì 28 Aprile 2022
Delfini militari schierati dalla Russia nel Mar Nero. «Servono a rilevare i sottomarini nemici»

Nel Mar Nero oltre alle navi da guerra e ai sottomarini, la Russia ha schierato anche un branco di delfini militari. Le immagini satellitari analizzate dall'Istituto navale degli Stati Uniti hanno svelato la presenza di due recinti galleggianti nella base navale del porto di Sebastopoli. Secondo le analisi, gli animali sarebbero stati trasferiti a febbraio, all'inizio dell'invasione russa in Ucraina. L'esercito di Mosca li utilizza per recuperare oggetti o per individuare i subacquei nemici. 

Ma non sono gli unici a servirsi del mammifero acquatico per scopi militari. Anche l'Ucraina ha addestrato i delfini in un acquario vicino a Sebastopoli, in un programma nato da uno schema dell'era sovietica, poi abbandonato negli anni '90.  Il programma Sebastopoli è stato resuscitato nel 2012 dalla marina ucraina, ma i mammiferi sono caduti nelle mani dei russi dopo l'invasione della Crimea nel 2014. Gli Stati Uniti invece hanno speso almeno 28 milioni di dollari per mantenere le proprie truppe di delfini e leoni marini, anch'esse addestrabili, per aiutare potenzialmente i conflitti.

 

Dove stanno i delfini militari

La Russia ha schierato delfini militari addestrati nella sua base navale nel Mar Nero, forse per proteggere la sua flotta da un attacco sottomarino. La base navale di Sebastopoli è cruciale per l'esercito russo, poiché si trova nella punta meridionale della Crimea che Mosca ha sequestrato nel 2014. Secondo l'analisi dell'USNI, molte delle navi russe ancorate lì, mentre sono fuori portata dai missili, sono potenzialmente vulnerabili agli attacchi sottomarini. E per questo motivo i delfini diventano cruciali.

«I nostri specialisti hanno sviluppato nuovi dispositivi che convertono il rilevamento dei bersagli da parte del sonar subacqueo dei delfini in un segnale per il monitor dell'operatore. La marina ucraina non disponeva di fondi per tale know-how e alcuni progetti hanno dovuto essere sospesi», ha detto una fonte all'agenzia di stampa russa. Le immagini satellitari del 2018 hanno rivelato che la Russia ha utilizzato i delfini anche nella sua base navale di Tartus, in Siria, durante la guerra siriana.

I delfini non sono le uniche creature oceaniche che l'esercito russo potrebbe aver addestrato. Si ritiene che una balena beluga avvistata al largo delle coste della Norvegia nel 2019 fosse stata addestrata dalla marina russa. I pescatori hanno riferito di una balena beluga che indossava strane imbracature, che potrebbero essere telecamere spia per l'esercito.

Ultimo aggiornamento: 16:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA