Santobono-Pausilipon, avviso pubblico per l’acquisizione di nuovi spazi

Sabato 1 Gennaio 2022
Santobono-Pausilipon, avviso pubblico per l’acquisizione di nuovi spazi

L’azienda ospedaliera di rilievo nazionale Santobono-Pausilipon ha disposto di avviare un’indagine di mercato esplorativa allo scopo di individuare un immobile situato nel Comune di Napoli per l’acquisizione ad uso esclusivo di spazi da destinare alle attività assistenziali.

«La ricezione delle manifestazioni - recita il bando - non comporta alcun obbligo a carico dell’azienda ospedaliera nei confronti dei soggetti interessati, né per questi ultimi alcun diritto a qualsivoglia prestazione da parte della stessa».

L’avviso è destinato a strutture ospedaliere private in possesso dei requisiti prescritti per legge, che siano in possesso di autorizzazione a svolgere attività sanitarie, insistenti nell’area del Comune di Napoli. Nello specifico, il Santobono-Pausilipon cerca un immobile dotato di spazi assistenziali idonei ad ospitare i blocchi di otorinolaringoiatria e Oculistica con 10 posti letto e una sala operatoria dedicata 12 ore per 5 giorni a settimana e blocchi di chirurgia pediatrica, chirurgia plastica delle malformazioni e urologia pediatrica con 12 posti letto e due sale operatorie dedicate 12 ore per 5 giorni a settimana.

«Successivamente alla scadenza del termine fissato per la presentazione delle manifestazioni di interesse - è scritto ancora nell'avviso pubblico - l’azienda ospedaliera, tramite una commissione all’uopo designata, procederà all’esame delle stesse e della relativa documentazione, riservandosi di richiedere eventuale ulteriore documentazione. Ove allo stato della documentazione trasmessa vi siano dubbi sull’idoneità dell’immobile, prima dell’inserimento dello stesso nell’elenco di disponibilità, l’azienda si riserva di effettuare sopralluoghi per la verifica della relativa idoneità. Successivamente alla valutazione di idoneità l’amministrazione potrà richiedere le offerte economiche, ed in ogni caso quantificherà l’ammontare del canone con ogni opportuna verifica di congruità della relativa somma». 

Ultimo aggiornamento: 18:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA