Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

In Circum da Napoli a Sorrento:
«Caos e ritardi, il solito incubo

Martedì 28 Giugno 2022 di Gennaro Di Biase
In Circum da Napoli a Sorrento: «Caos e ritardi, il solito incubo

La tratta Napoli-Sorrento è un tuffo nell’imprevisto. Si lancia un dado simbolico, salendo sul treno, e non è affatto detto che i numeri facciano girare il viaggio nella giusta direzione. Blackout, assembramenti, informazioni poco chiare, corse che saltano.

Raggiungere la location record del boom turistico è tutt’altro che una passeggiata di salute, per i vacanzieri che si imbarcano in Circumvesuviana, costretti all’odissea. Binari-foresta (come a Porta Nolana), stazioni diroccate o con transenne (come a Sant’Agnello), ritardi specialmente di mattina. A tratti la situazione fila liscia, ma spesso un maxi-ingorgo, come quello di ieri a Pompei sul treno che da Sorrento rientrava a Napoli - confermano alcuni pendolari e alcuni dipendenti della stazione di Sorrento - «impedisce a volte ai turisti di prendere il treno. In pratica, saltano le corse soprattutto nella fascia oraria 7-9. E tutti sono costretti ad aspettare il viaggio successivo. La settimana scorsa, per esempio, è saltato un treno quasi ogni mattina». I mezzi dedicati al percorso, va sottolineato, sono nuovi e dotati di area condizionata.

Dovrebbe partirne uno ogni 25 minuti, per un’ora e un quarto di viaggio, ma non sempre succede. Spesso i ritardi si accumulano, dunque sfumano le corse e tanti restano a terra. Ecco il problema. Fili elettrici scoperti, binari dei treni così ricchi di fauna da essere buoni per un documentario di urban-nature. La stazione di Porta Nolana, al cui interno si notano lavori in corso, non è sporca, ma presenta una saracinesca abbassata e pochi esercizi commerciali. Peccato, perché di qui passano a ogni minuto turisti facoltosi, mordi e fuggi. Due ragazze arrivano dal Canada, e sono arrivate a Garibaldi solo per raggiungere Sorrento. Oltretutto, al tornello il biglietto cartaceo gli si inceppa nell’emettitrice. «Succede - sospira una agente di stazione - provi la macchina successiva». Amen. Partenza alle 13.06, dal binario 4. Il treno comincia a riempirsi di zaini e di trolley. Turisti da Danimarca, Uk, Stati Uniti: tutti diretti a Sorrento. I posti a sedere scarseggiano da subito. Ma non ci sono solo i vacanzieri. Una giovane studentessa universitaria pendolare, Anna Girgentu, ci introduce alle criticità di queste settimane: «Alcuni treni sono nuovi - dice - altri no. I treni per Sorrento, in teoria, passano ogni 25 minuti. I ritardi ci sono: complicazioni alle vetture non mancano, spesso ci sono le coincidenze che fanno perdere 10 minuti. Di mattina capita che alcuni turisti non riescano a prendere il treno, in fascia oraria 8-9». Tra Sorrento e Napoli ci sono anche Pompei, Ercolano, Vico Equense e altre fermate clou del turismo del Mezzogiorno: le cause del sovraffollamento si devono a questa sovrapposizione di mete. Se salta o ritarda una corsa, insomma, si inceppa tutto il flusso. E non succede di rado. Stazioni diroccate, coi soffitti screpolati (come Castellammare), ma anche pezzi underground (come San Giorgio a Cremano, col murale di Troisi, ma dove il treno resta fermo e senza corrente per 5 minuti). Ryan Eyre è statunitense, parla solo inglese: «Le informazioni lasciano molto a desiderare - osserva, visto che gli annunci sono solo in italiano - non si capisce se è obbligatorio indossare la mascherina, e in generale non si comprendono notizie sul viaggio».

Video


«I treni a Londra sono molto più puntuali», sospira Anna Faris, in viaggio con tre amiche. Alla stazione di Sorrento (ci arriviamo alle 14.28), svetta il cartello «cercasi personale» affisso sulla parete dell’info point turistico. Alcuni lavoratori dell’area ci spiegano la situazione: «La mattina è peggio - raccontano - la settimana scorsa è quasi sempre saltata una corsa. Questo ha lasciato a piedi tanti turisti e pendolari, anche noi». Dopo poco, ci imbarchiamo nel viaggio di ritorno. Il treno è più pieno che all’andata, ma l’effetto «sardine» lo si raggiunge a Pompei: è qui che, reduci dagli scavi, salgono centinaia di vacanzieri, coi loro trolley, e si aggiungono alle decine di stranieri che tornano da Sorrento a Napoli. Folla ovunque. Viaggio a 40 gradi, in piedi, corpi ammassati. Tra loro c’è M.G, da Cortina d’Ampezzo: «Una compagnia privata, alla stazione Garibaldi, ci ha adescato appena scesi dal treno, offrendoci un pacchetto da 50 euro per due persone, con prenotazione del posto, per arrivare a Sorrento». Il biglietto di andata e ritorno per Sorrento, comprato alla biglietteria, costa però 15 euro per due persone. In ultimo, a San Giorgio a Cremano, proprio davanti al volto triste e comico di Troisi, il treno si ferma per 5 minuti, probabilmente a causa dell’elevata temperatura delle rotaie. Blackout. Afa e tensione tra centinaia di stranieri. Poi riparte, un po’ più lento. Un altro imprevisto nel viaggio del boom turistico più importante del Sud Italia.

Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 08:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA