Disastri naturali e terrorismo: Esercito e medici civili a confronto a Napoli

Una esercitazione nell'ambito di un programma  di addestramento per far fronte alle emergenze legate all'impiego di armi nucleari, chimiche e batteriologiche
Un convegno per promuovere la cooperazione tra militari e civili nella gestione dei disastri naturali e industriali ovvero in caso di guerre, situazioni di crisi e atti terroristici, con il  patrocinio della Regione Campania. Mercoledì, nel Circolo Unificato dell’Esercito in Palazzo Salerno (Piazza del Plebiscito 33), si parlerà di “Comparison between civil and military environment” che  metterà a confronto esperienze civili e militari nelle emergenze.

 “Comparison between civil and military environment” è promosso da Idma (International Disaster Medicine Association), da Igesan, (Ispettorato Generale della Sanità Militare Interforze) e dal Comando Forze Operative Sud, con il supporto organizzativo di PJevents.
 
«Questa cooperazione tra militari e civili – afferma Giuseppe Noschese - è ormai diventata una priorità in questi settori. Le attività mediche congiunte sono finalizzate a migliorare le capacità di preparazione alle calamità, al fine di garantire la perfetta organizzazione sanitaria e le cure mediche possibili in caso di catastrofi naturali e di origine umana».
 
In programma quattro sessioni che affronteranno vari temi tra cui i differenti approcci al management delle vie aeree nell’emergenza extra ospedaliera; la gestione delle vie aeree; la valutazione rapida del ferito; l’emorragia grave toracica da ferita penetrante; l’Open Abdomen dopo ferite da arma da fuoco, ed inoltre  la diagnostica per Imaging nel politraumatizzato, l’importanza del volontariato in ambito di protezione civile, la funzione dell’Intelligence in ambiente ostile, l’importanza del training ospedaliero pre laurea, la gestione infermieristica degli accessi venosi e degli accessi esterni ed in fine il corretto trattamento delle ferite.
 
Per l’occasione ci sarà la presentazione in anteprima nazionale, di alcuni sistemi di tutoraggio bionico, a mezzo simulatori dedicati, di ultima generazione, per il training di soccorritori militari e civili che operano in ambiente ostile. Questa tecnologia e la più avanzata al mondo ed è di produzione americana.

A fare gli onori di casa il generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, comandante delle Forze operative Sud i lavori saranno presieduti dal maggior generale Nicola Sebastiani, ispettore generale della Sanità militare (Igesan) e dal dottor Giuseppe Noschese, consulente scientifico della Marina militare italiana, nonché presidente di Idma e direttore del Trauma Center dell’Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale Cardarelli.
Sabato 16 Febbraio 2019, 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP