Coronavirus in Campania, piano straordinario per reclutare medici e infermieri

Giovedì 29 Ottobre 2020 di Maria Chiara Aulisio e Ettore Mautone

È una forsennata corsa quella del Coronavirus in Campania: ieri nuovo record con 3.103 positivi su 17.735 tamponi effettuati. La percentuale di positivi cresce da 16,1 al 17,5 per cento. Valore che si allinea a quello del capoluogo dove sono sono 603 i nuovi contagi su circa 4 mila test. In crescita anche il tasso di letalità con 20 decessi in quattro giorni di cui 17 solo ieri. Preoccupano anche i numeri dei ricoveri ospedalieri: 1.297 in ospedale con sintomi (79 in più del giorno prima) e 164 in terapia intensiva, (21 in più). Per comprendere la gravità di questa seconda ondata vale la pena ricordare che nel primi 2 giorni di ottobre sono stati registrati 36.144 tamponi positivi, più della somma dei positivi da febbraio a settembre.

Una situazione che spinge la Regione a prendere in considerazione nuove possibilità e ad essere pronta a ogni scenario. «In corso contatti a livello nazionale per l’ipotesi di allestire ambulatori dell’esercito - dice all’agenzia Ansa Antonio Postiglione, capo della direzione Salute di Palazzo Santa Lucia - abbiamo iniziato ad approfondire la logistica. Si tratta di tende per il pretriage, un’esperienza già fatta in altre regioni. Certo, non possiamo aprire ospedali da campo senza personale - chiarisce - ma stiamo facendo ogni tipo di valutazione in base alla previsioni epidemiche del virus». 

LEGGI ANCHE Coronavirus in Campania, cimiteri verso la chiusura nel «ponte dei morti» 

Il nodo da sciogliere non sono soltanto i posti letto quanto il personale specialistico che manca. In Campania sono pronte un centinaio di unità di Terapia subintensiva e Rianimazione già allestite (dieci ad Agropoli, 55 nei moduli dell’Ospedale del mare altre nei Covid prefabbricati di Caserta e Salerno) che non possono funzionate in assenza di specialisti. «La Protezione civile ci ha dato un elenco di 50 medici e 100 infermieri che stanno arrivando ma sono pochi - continua Postiglione - stiamo continuando noi il reclutamento con contratti straordinari, co.co.co., pensionati, medici laureati e abilitati. Abbiamo autorizzato le aziende a ricorrere ad ogni strumento straordinario». Il riferimento è alla richiesta ribadita nei giorni scorsi con una lettera inviata da De Luca al premier Conte: servono 600 medici e 800 infermieri. «Noi non abbiamo medici e infermieri - replicano dalla Protezione civile nazionale - ma ci siamo limitati a fornire i nominativi di chi ha risposto a un call per reclutare volontari che peraltro sono medici dipendenti di altre Asl e ospedali e che, probabilmente, hanno declinato la disponibilità iniziale a fronte di un impiego necessario nelle regioni di provenienza». 

Video

Una risposta all’appello di De Luca arriva da duecento giovani dottori campani, freschi di laurea e con tanta voglia di mettersi alla prova. Vorrebbero scendere in campo subito, offrire il loro contributo, con umiltà e senza pretese: «Potremmo affiancare il personale del 118 - spiega Carla Fasano, alla guida del gruppo di medici - collaborare a fare i tamponi, seguire le terapie domiciliari. Un lavoro utile a sollevare i colleghi da impegni più gravosi». Una strada sbarrata fino a quando i neo laureati non saranno iscritti all’Ordine dei medici di Napoli. Pratica che - secondo quanto dichiara la stessa Fasano - non sarebbe possibile prima della conclusione del rinnovo dei vertici di categoria in programma per la metà di novembre. Da qui la mobilitazione nata sulle pagine di Change.org grazie a una petizione lanciata proprio dalla Fasano che, in un appello pubblico, firmato da oltre 13mila persone, chiede al governatore, e ai vertici dell’Ordine, di ratificare al più presto l’abilitazione professionale ai duecento giovani dottori, a prescindere dal rinnovo delle cariche dell’Ordine che, di fatto, impedisce ai medici di prendere servizio negli ospedali: «Non ha senso tenerci fermi per mere questioni burocratiche - conclude la dottoressa Fasano - in un momento come questo è un delitto sprecare risorse». Replica lo sportello giovani dell’Ordine che parla di «previsione che violerebbe la legge» e di «paletti fissati in sede nazionale non dalla Regione e tantomeno dall’Ordine». Una soluzione alternativa ai contratti precari è stata adottata dalla Asl Napoli 2 nord che propone bandi agli specializzandi all’ultimo e penultimo anno (sono 300 in Campania nelle discipline richieste) per ora a tempo determinato e che saranno trasformati all’atto del completamento dell’iter formativo sula scia di quanto attuato dal decreto Calabria. 

 

Si va infine verso la proroga della zona rossa di Arzano che scade oggi: conclusi gli screening su campioni significativi di popolazione emerge che il 30 per cento dei residenti è positivo al test. Un valore altissimo. Attualmente nella cittadina sono 1020 i postivi su 33 mila (1 su 29 cittadini). Quando è partito lo screening erano 158 ma sono raddoppiati a 300 nel giro di pochissimi giorni. Ma chiudere un solo centro non può certo bastare a raffreddare la febbre da Coronavirus che sale in tutta la regione.

 

Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre, 13:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA