Falsa mozzarella di bufala campana,
sequestro in un locale di Milano

Falsa mozzarella di bufala campana, sequestro in un locale di Milano
Lunedì 12 Settembre 2022, 10:38 - Ultimo agg. 10:40
3 Minuti di Lettura

La bufala è servita. Oltre 50 chilogrammi di falsa mozzarella di bufala campana dop e di altri prodotti alimentari scaduti insieme con cento chili di imballaggi di confezionamento sono stati sequestrati a Milano. A intervenire gli agenti vigilatori del Consorzio di tutela, coinvolti in un’operazione congiunta condotta dai carabinieri del reparto Tutela agroalimentare di Torino.

Così è emerso che il produttore, titolare di diversi punti vendita in Campania e Lombardia, utilizzava abusivamente il logo e la denominazione della "mozzarella di bufala campana dop" senza rispettare il disciplinare, utilizzando un misto di latte vaccino e bufalino e riproducendo il logo del Consorzio senza autorizzazione. Quindi, le confezioni di falsa bufala sono state sequestrate, inoltre i prodotti scaduti saranno distrutti. Multa da 20mila euro, e le indagini sono ancora in corso.

In azione la task force anti-contraffazione, risultato della sinergia tra consorzio, forze dell’ordine e ispettorato centrale Qualità e repressione frodi (Icqrf) del ministero delle Politiche agricole. Cinque al momento le operazioni effettuate, sequestrate circa 200 chili di mozzarelle falsificate e 40mila buste di confezionamento, oltre 30mila euro di sanzioni e 2 persone denunciate alla Procura della Repubblica per frode in commercio.

«Questa operazione è il risultato dell’intensificazione dei controlli voluta dal Consorzio durante tutto il periodo estivo, che coincide con il momento di maggior consumo del prodotto e anche di maggiori rischi di violazioni», spiega il direttore del Consorzio, Pier Maria Saccani, che aggiunge «Il brand della bufala campana fa gola a tanti. La provenienza della mozzarella dalla Campania è per i consumatori sinonimo di autenticità, noi proteggiamo questa certezza da chi invece vuole approfittarne. L’operazione di Milano è stata condotta a tutela non solo dei consumatori, che non vanno ingannati, ma anche dei tantissimi produttori onesti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA