Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Frattamaggiore, il fratello dell'uomo dato alle fiamme: «Ecco chi è stato ad appiccare il fuoco»

Domenica 3 Luglio 2022 di Marco Di Caterino
Frattamaggiore, il fratello dell'uomo dato alle fiamme: «Ecco chi è stato ad appiccare il fuoco»

Un litigio con un ragazzo del rione. Sarebbe il movente del terrificante tentato omicidio di Nicola Liguori (e non Lupoli come erroneamente riportato) bruciato vivo nella notte tra giovedì e venerdì scorso. A denunciare il fatto è il fratello della vittima, Biagio Castaldo. Secondo la sua versione l’aggressore, un certo “Pasquale“ che abita proprio nei pressi della panchina, avrebbe accusato Nicola Liguori del furto di un motorino. La vittima quella sera gli avrebbe risposto per le rime e, secondo quanto dichiarato dal fratello, questo Pasquale, insieme a un complice, lo avrebbe cosparso di benzina e poi dato fuoco. Biagio ha tenuto a precisare che questa ricostruzione vi era stata sussurrata da Nicola prima che perdesse i sensi in ospedale.

Oggi pomeriggio Castaldo si recherà presso il commissariato di Frattamaggiore per sporgere denuncia. Le condizioni del ferito sono gravissime. 

Video

Il primario del reparto grandi ustionati di Bari, come ha raccontato Castaldo, ha detto ai familiari di prepararsi anche al peggio. Le prossime 48 ore saranno decisive per la sorte del 39enne bruciato vivo per un presunto furto di un motorino. 

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 12:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA