La Nunziatella compie 230 anni:
Mattarella al giuramento degli allievi

ARTICOLI CORRELATI
di Nico Falco

4
  • 1781
Cerimonia, in piazza del Plebiscito, del giuramento per i giovani allievi della Nunziatella, la scuola militare napoletana che oggi celebra i 230 anni dalla fondazione. Alla manifestazione prendono parte i capi dello Stato Maggiore dell'Esercito e della Difesa, il ministro della Difesa e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
 

La cerimonia, che rappresenta un passo fondamentale per gli allievi che, all'età di 16 anni, giurano fedeltà alla bandiera, quest'anno ha un duplice significato data la concomitanza con il 230esimo anniversario della fondazione della scuola, nata il 18 novembre 1787 per volere del Re di Napoli Ferdinando IV. 
 
 


In prefettura, prima della cerimonia, il capo dello Stato ha avuto un breve colloquio privato con il sindaco Luigi de Magistris.

ll giuramento di fedeltà alla Repubblica italiana, con la tradizionale formula 'lo giuro!', rimarrà un ricordo e un impegno indelebile nelle loro vite, rinnovando e testimoniando i sacri valori che contraddistinguono la Scuola Militare dell'Esercito. Cittadini che da sempre si differenziano per spirito di abnegazione, senso del dovere e senso del sacrificio, che hanno portato oggi e in passato ogni militare, a sacrificare il bene supremo della vita in nome della Patria.

Nel corso del suo intervento il capo di Stato Maggiore dell'Esercito Danilo Errico rivolgendosi agli allievi ha detto: «sono, le qualità morali unite a una formazione culturale d'eccellenza e forgiate nella disciplina e nel rigore militare di questa antica scuola dell'Esercito, che creano una comunità di allievi ed 'ex allievì, cittadini di spicco, militari di successo, piuttosto che imprenditori o professionisti affermati, uniti gli uni agli altri da un legame saldissimo e indissolubile». Momento saliente della cerimonia è stata la simbolica consegna dello spadino ad un allievo del primo anno da parte di un allievo del terzo anno. Lo spadino, emblema di appartenenza alla Scuola militare 'Nunziatellà, rappresenta l'importante passaggio di consegne, tradizioni e valori che vengono tramandati alle nuove generazioni. Piazza del Plebiscito era gremita da familiari, parenti ed ex-allievi, giunti per l'occasione da ogni parte d'Italia per assistere alla cerimonia. Il giuramento ha visto lo schieramento dei reparti in armi in uniforme storica, lo sfilamento dei Labari delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma, la resa degli onori ai Gonfaloni della Città di Napoli, decorati di Medaglia d'Oro al Valor Militare, della Regione Campania, della Città metropolitana di Napoli ed in particolare della gloriosa Bandiera d'Istituto, decorata con la Medaglia di Bronzo al Valore dell'Esercito. Il Reggimento di formazione, così costituito, agli ordini del comandante della Scuola militare 'Nunziatellà, colonnello Fabio Aceto, ha visto tra le proprie fila la Banda della Brigata Granatieri di Sardegna e la Batteria Tamburi della Scuola. La cerimonia ha avuto termine con lo sfilamento in parata del Reggimento di formazione e dei numerosi ex-allievi giunti da tutte le regioni d'Italia.


La scuola militare Nunziatella «è il cuore pulsante della formazione militare nel cuore di Napoli» ha detto il ministro della Difesa  Roberta Pinotti. Il ministro ha ricordato che «pochi giorni fa 23 Paesi europei hanno deciso di sottoscrivere la volontà di dare vita a cooperazioni rafforzate e l'Italia ha proposto la costituzione di un polo di formazione per gli ufficiali provenienti dalle forze armate dei paesi europei che abbia sede presso la scuola militare Nunziatella».


«Il giuramento che avete prestato oggi è il primo atto solenne della vostra vita, che ricorderete per sempre. Vi verrà chiesto di agire da subito con determinazione, lealtà, rigore morale, correttezza, senso del dovere, spirito di servizio e passione. Tutti valori necessari ad affrontare il percorso di studi e di crescita personale che avete scelto di intraprendere alla Scuola Militare “Nunziatella”». Così il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, rivolgendosi ai giovanissimi allievi durante la cerimonia di giuramento della Scuola Militare Nunziatella che si è svolto oggi a Napoli alla presenza del Presidente della Repubblica e del Ministro della Difesa.

«Il prestigio della Scuola Militare Nunziatella - ha evidenziato il Generale Graziano - è confermato dal grande numero di domande presentate anche quest’anno, ben 917 per 90 posti disponibili: da una parte c’è, senz’altro, una propensione dei giovani all’arruolamento ma dall’altra intravedo anche una sicura fiducia nell’Istituzione e nella Scuola che ha rappresentato anche un simbolo dell’Unità d’Italia e del Risorgimento. La Nunziatella, con i suoi 230 anni di storia mai interrotta, è il più antico Istituto d’Europa in servizio, caso unico nel panorama internazionale e proprio per questo suo prestigio è al centro di un progetto di grande respiro volto ad elevarla a prima scuola militare europea – così detta “Grande Nunziatella”. È un’iniziativa – ha spiegato il Generale Graziano - che la Difesa sta perseguendo con forte determinazione e che porrebbe le Forze Armate all’avanguardia nel campo della formazione necessaria all’Europa per consolidare il suo crescente ruolo di global provider di difesa e sicurezza sugli scenari euro-atlantici.” Il progetto prevede di ampliare l’attuale offerta formativa ad una dimensione europea in termini di programmi, di frequentatori e di personale docente, al fine di creare l’embrione di un processo educativo di accrescimento di una “cultura europea”, con particolare riguardo ai principi comuni della difesa e della sicurezza. “La cooperazione internazionale è sempre più necessaria per affrontare in modo unitario e sinergico le sfide alla sicurezza. Ma per poter cooperare un Paese deve essere credibile a livello internazionale e deve essere competitivo in tutti i settori e non ultimo in quello della formazione.” Ha concluso il Generale Graziano. La Grande Nunziatella si colloca sulla scia delle importanti iniziative che si stanno sviluppando nell’ambito della difesa comune europea, che hanno per esempio portato nei giorni scorsi l’avvio dell’attesa Cooperazione Strutturata Permanente (PESCO)».
Sabato 18 Novembre 2017, 10:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-11-18 19:09:46
Nunziatella anacronistica, Nunziatelli lobbisti.
2017-11-18 17:44:25
La scuola militare "Nunziatella" fu fondata nel 1787 con il nome di Reale accademia militare ,con ordinanza di Ferdinando IV di Borbone ; era un fiore all'occhiello del Regno delle Due Sicilie (la "Nazione Napolitana") : un'istituzione all'avanguardia e specchio per l'intera europa... chissà se qualcuno degli intervenuti lo ha ricordato! .
2017-11-18 17:25:57
Vengono con macchinoni blindati, con cristalli oscuranti, scortati sono un peso per i cittadini
2017-11-18 12:43:51
La Nunziatella è una scuola militare BORBONICA.......

QUICKMAP