Napoli, 20 alberelli di Natale rubati a via Calabritto; l'ira dei commercianti: «Sono stati i ragazzini»

Il raid nella strada dello shopping di lusso a Chiaia

Napoli, 20 alberelli di Natale rubati a via Calabritto; l'ira dei commercianti: «Sono stati i ragazzini»
Giovedì 8 Dicembre 2022, 18:26 - Ultimo agg. 22:59
3 Minuti di Lettura

I negozianti di via Calabritto, strada delle griffe e dello shopping nel quartiere napoletano di Chiaia, li avevano posizionati ai margini delle loro botteghe nella serata di ieri, venti alberi di Natale pronti a essere decorati, ma stamattina dei pini messi ieri sera non c'era più traccia, svaniti nella notte.

Del furto dà notizia la presidente della I Municipalità di Napoli Giovanna Mazzone: «Su via Calabritto - spiega - c'era un progetto dei commercianti con il parere favorevole della Municipalità e del Comune di Napoli. Ieri hanno messo circa venti alberi di Natale che oggi dovevano essere completati con le luci. Ma sono stati rubati nella notte. Stamattina i commercianti sono arrivati in via Calabritto e non li hanno più trovati. Quanto accaduto è indecoroso e noi abbiamo tutta l'intenzione di aiutare i commercianti e sostenerli affinché anche via Calabritto possa essere illuminata. Abbiamo già chiesto alla ditta che si occupa delle luminarie di fare uno sforzo straordinario e quindi tornare al progetto originario. Siamo da sempre al fianco dei commercianti e continueremo sempre ad esserlo. Le attività commerciali non possono e non devono restare al buio». 

«Abbiamo messo venti alberi di Natale ieri sera e nella notte sono stati già rubati. Tre li avevano già presi nel pomeriggio e li abbiamo recuperati inseguendoli, ma alla chiusura li hanno presi tutti». Così Nicola Esposito, titolare del negozio di scarpe Officine a via Calabritto. «Ieri pomeriggio - spiega - alle 16 abbiamo finito di sistemare gli alberi e già alle 18 sono stati prelevati due pini dai vasi. Abbiamo rincorso i balordi, ragazzi di 14-15 anni, che avevano gli alberi e li abbiamo recuperati a via Alabardieri. Alla chiusura dei negozi, alle 20, li abbiamo visti appostati in piazza Vittoria, li abbiamo avvicinati ma mi hanno detto se non li prendiamo noi, lo faranno altri».

 

«E infatti noi stamattina - spiega Esposito - dovevamo fare l'illuminazione dei pini ma alle 7 sono sceso in via Calabritto con il mio cane e già non c'erano più. Avevamo anche fatto un contratto con la vigilanza dalle dieci di sera, ma partiva stasera e i ladri hanno fatto prima». Per Esposito resta la delusione: «Abbiamo le luci, le conserveremo. Purtroppo la mia iniziativa con gli altri commercianti è stata un flop, a Napoli ci sono ancora questi problemi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA