Bambina ferita, l'Italia applaude Napoli: ecco gli angeli che hanno salvato Noemi

di Ettore Mautone

13
  • 40199
È un gruppo di camici bianchi di grande valore, dell'ospedale Santobono e non solo, ad aver lavorato incessantemente al letto della piccola Noemi negli ultimi 20 giorni per salvarle la vita. Medici come ce ne sono tanti sparsi negli ospedali campani che esprimono una sanità di eccellenza. È venerdì 3 maggio: l'ambulanza del 118 arriva al Santobono a sirene spiegate. Noemi è ferita da un proiettile vagante in una sparatoria a piazza Nazionale. Respira a fatica. È pallida ma cosciente. Non si lamenta, né piange. Ai medici viene detto che è stata colpita di striscio. In realtà la situazione è molto più grave. In pronto soccorso viene chiamato il primario Vincenzo Tipo che insieme ai suoi collaboratori ispeziona la bambina individuando un piccolo foro all'altezza dell'emitorace destro. Esce poco sangue e non vi è foro di uscita. Dopo i primi esami il team decide di intervenire subito per tamponare la presenza di sangue nei polmoni (emotorace) e di aria (pneumotorace). Il rischio è che entrambi i polmoni collassino. Un drenaggio stabilizza la situazione clinica.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 21 Maggio 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 22 Maggio, 08:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-05-22 15:35:22
seek ieloth o come diavolo ti chiami, se una persona ha delle proprie convinzioni, perché denigrarla. del resto nessun commento ha denigrato le "tue convinzioni"
2019-05-22 13:05:00
Grazie a queste persone. Si propagandino migliaia di queste "milionarie" gesta quotidianamente. Così i giovani potranno fare "eventualmente" la differernza con quella parte minoritaria di violenti, che invece occupa la maggior parte della comunicazione, dal cinema, alla TV, ai giornali, eccetera. Fa meno attrazione, al momento, ma nel tempo darà i suoi risultati positivi e sconfiggerà l'attuale "propensione e fascino" della violenza.
2019-05-21 18:32:48
noi napoletani spesso ci denigriamo da soli e così diamo una brutta immagine di noi stessi. Invece come per la piccola Noemi dobbiamo essere fieri , anche da noi ci sono strutture sanitarie e personale medico e paramedico di eccellenza !
2019-05-21 14:15:58
Perché vi complimentate con loro? Ha detto il cardinale Sepe che è stato un miracolo.
2019-05-21 13:56:15
Complimenti a tutti questi medici straordinari! Ferma la loro bravura eccezionale direi che il miracolo, però, l'ha fatto Qualcun Altro.. Noemi si svegliata il 10 maggio.. due giorni dopo la Supplica alla Madonna di Pompei fatta proprio per lei e la mattina dopo la Veglia di preghiera fuori l'Ospedale.

QUICKMAP