Napoli, la rabbia del 16enne ferito dai calcinacci: «Se mi salvo non tornerò mai più in questa città»

ARTICOLI CORRELATI
di Gennaro Di Biase

27
  • 2903
La vacanza nel centro Napoli, ovvero la tragedia raccontata dal sedicenne tedesco che ieri ha rischiato la vita all'incrocio tra corso Umberto e Mezzocannone, e dai suoi familiari ancora sconvolti. «Sono spaventatissimo - ha detto Sebastian Schumann a sua madre Peggy, poco prima della Tac, nella stanza del pronto soccorso dell'Ospedale del Mare - Non credo che tornerò mai più in questa città». Negli occhi non solo la paura, ma anche la rabbia e l'amarezza di chi ha visto un bel momento trasformarsi in un incubo inatteso. Intanto Peggy è sconvolta e non riesce a trattenere le lacrime nemmeno per il tempo di una sigaretta all'esterno dell'ospedale. Poco dopo arrivano i risultati, non confortanti, della tac e la donna aggiunge senza smettere di piangere: «La nostra vacanza è finita». Quindi sale su un'auto della polizia: direzione porto, bisogna prendere i bagagli e portarli in ospedale, almeno per il momento. Prognosi riservata. I medici, visti gli esami, hanno deciso che Sebastian deve restare in osservazione. Nel tardo pomeriggio di ieri il ragazzo è stato operato a causa dell'«ematoma riscontrato alla testa».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 16 Aprile 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 06:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
2019-04-16 18:52:50
leggo tanti commenti che dicono giustificano la nostra città e quasi attaccano il ragazzo, perchè a casa tua non succede,di che si lamenta, siete la parte peggiore di Napoli, qui 2 sono le cose: se è un palazzo priivato è colpa del condominio, se è un palazzo pubblico è colpa del comune e/o regione. In ambo i casi non fate scaricabarile che qui vi legge mezza italia e la figura degli immaturi la fate voi. Sono vicino alla famiglia del ragazzo e quando vorrà venire li ospitero' io a casa mia e gli faro' visitare le isole, la costiera, pompei, andando con la macchina. queste parole le avrebbe dovute dire il sindaco e/o il governatore ma sono troppo impegnati a farsi i dispetti tutti e due. e di mezzo ci và sempre la collettività.
2019-04-16 18:09:36
Ma secondo voi l'amministrazione con il Sindaco in testa pensa alla sicurezza? Noi Napoletani non solo dobbiamo ringraziare a Dio se torniamo sani e salvi a casa senza che ci abbiamo scippato o accoltellato, dobbiamo stare anche attenti se non ci cade un cornicione in testa!!!!! Se Il comune è in dissesto e non ha fondi ... VENGA COMMISSARIATO!!!!! E' Inammissibile che il sindaco deve andare a elemosinare a Roma lo stipendio per la sua amministrazione e di portare la sicurezza a noi Napoletani e a quei turisti che vengono a Napoli a spendere i soldi non gliene frega nulla. Tra l'altro ha detto che si candiderà alle regionali cosi oltre a Napoli porterà in dissesto laCampania intera.
2019-04-16 16:38:16
Di tanti commenti, solo uno ha accennato alla insipienza dei dipendenti del comune. Nessuno che abbia fatto un accenno alla responsabilità di coloro che sono preposti al controllo e manutenzione dei palazzi di proprietà del comune.
2019-04-16 16:25:44
Di tanti commenti, solo uno ha accennato alla insipienza dei dipendenti del comune. Nessuno che abbia fatto un accenno alla responsabilità di coloro che sono preposti al controllo e manutenzione dei palazzi di proprietà del comune.
2019-04-16 15:41:09
marcobruno, fermo restante tutte le manchevolezze napoletane e campane per colpa di una politica cialtrona e nullafacente, napoli turisticamente fa paura a tutte le città italiane roma compresa!

QUICKMAP