Napoli, la rabbia del 16enne ferito dai calcinacci: «Se mi salvo non tornerò mai più in questa città»

Martedì 16 Aprile 2019 di Gennaro Di Biase

La vacanza nel centro Napoli, ovvero la tragedia raccontata dal sedicenne tedesco che ieri ha rischiato la vita all'incrocio tra corso Umberto e Mezzocannone, e dai suoi familiari ancora sconvolti. «Sono spaventatissimo - ha detto Sebastian Schumann a sua madre Peggy, poco prima della Tac, nella stanza del pronto soccorso dell'Ospedale del Mare - Non credo che tornerò mai più in questa città». Negli occhi non solo la paura, ma anche la rabbia e l'amarezza di chi ha visto un bel momento trasformarsi in un incubo inatteso. Intanto Peggy è sconvolta e non riesce a trattenere le lacrime nemmeno per il tempo di una sigaretta all'esterno dell'ospedale. Poco dopo arrivano i risultati, non confortanti, della tac e la donna aggiunge senza smettere di piangere: «La nostra vacanza è finita». Quindi sale su un'auto della polizia: direzione porto, bisogna prendere i bagagli e portarli in ospedale, almeno per il momento. Prognosi riservata. I medici, visti gli esami, hanno deciso che Sebastian deve restare in osservazione. Nel tardo pomeriggio di ieri il ragazzo è stato operato a causa dell'«ematoma riscontrato alla testa».
 
Dalla nave da crociera al lago di sangue su Mezzocannone. Appena dopo lo sbarco in città, Sebastian e la sua famiglia, originaria della provincia di Karlsruhe, iniziano il tanto atteso giro turistico nel centro storico di Napoli: «Mio figlio da un momento all'altro era pieno di sangue - piange ancora Peggy - È stato colpito da un pezzo di metallo che si è staccato dall'alto. Ha provato a scansarsi saltando di lato ma non ci è riuscito. Io ho sentito un boato, ho visto la sua testa ferita, è stato uno choc. Non tornerò mai più a Napoli, la paura è stata troppa. E per mio figlio vale lo stesso. La nostra vacanza è finita». «Sebastian è molto triste», aggiunge Lennox, un giovane parente che consola Peggy all'esterno del pronto soccorso. Nella foto scattata appena dopo l'incidente, Sebastian è sporco di sangue un po' ovunque: sulla nuca, sul naso, sul sopracciglio. Un fazzoletto gli copre la grossa ferita alla tempia destra: 7 punti. La famiglia valuta azioni legali.

Ieri il pronto soccorso dell'Ospedale del Mare pullulava di polizia, vigili urbani, carabinieri. Tutti in attesa di conoscere gli esiti degli esami di Sebastian. Quando i risultati sono arrivati, la notizia della positività della tac ha lasciato di sasso i familiari. «Il ragazzo è neurologicamente indenne. Però abbiamo riscontrato un ematoma alla testa e resterà qui in osservazione». A parlare, intorno alle 16, sulla soglia del reparto di cui è primario Giuseppe Gatapano, è stato Alessandro Villa, il neurochirurgo che ha visitato il giovanissimo tedesco. Peggy e Lennox erano da poco saliti sull'auto della polizia per tornare a prendere i bagagli della vacanza diventata incubo. Intanto Matthias, il padre del ragazzo, era con lui in stanza, angosciato e scosso. Poco dopo, nel tardo pomeriggio, Sebastian è stato operato.

Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 06:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA