Napoli sotterranea, video-denuncia
​interviene l'assessore Panini

Lunedì 30 Ottobre 2017
«Il video denuncia diffuso oggi dalla Camera Popolare del Lavoro dell’Ex OPG "Je so’ Pazzo" di Napoli sulle condizioni “lavorative” di quanti operano in un punto della Città noto internazionalmente è un autentico pugno nello stomaco». Lo dichiara l'Aasessore al Lavoro del Comune di Napoli, Enrico Panini, commentando le condizioni di lavoro denunciate dai lavoratori della Onlus Napoli Sotterranea.

<iframe src="https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fexopgjesopazzo%2Fvideos%2F1249480638491930%2F&show_text=0&width=560" width="560" height="315" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowTransparency="true" allowFullScreen="true"></iframe>

«Denuncia, con un lavoro di inchiesta meritorio, una faccia del grande boom turistico della città che nega i diritti e non applica i contratti di lavoro. Stiamo parlando delle condizioni di cittadinanza garantite dalla nostra costituzione.Tutto ciò non in un punto secondario della crescita turistica, e comunque sarebbe stato inaccettabile, ma in un luogo visitato da migliaia di persone ogni giorno. Chiediamo alla proprietà un ripensamento profondo della propria pratica ed agli organi preposti di intervenire per ripristinare la Costituzione».

Ultimo aggiornamento: 17:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA