Omicidio di Natale, la svolta: «Della Gatta torni agli arresti»

di Pino Neri

«Omicidio di Natale»: nel territorio delle grandi industrie torna alla ribalta il misterioso caso della morte di Giuseppe Di Marzo, il disoccupato di 35 anni che in base all'accusa del pubblico ministero fu ucciso con un colpo di pistola sparato a bruciapelo, intorno alle due di notte del 24 dicembre 2016, dall'imprenditore aeronautico Vincenzo La Gatta, pomiglianese ma residente a Casalnuovo, personaggio noto nella zona. La Gatta è sotto processo per omicidio volontario aggravato ed ora il caso è riesploso: i giudici del Riesame hanno disposto il ritorno agli arresti domiciliari dell'imprenditore, che il 5 dicembre del 2017 era tornato in libertà suscitando l'indignazione dei familiari di Di Marzo e di parte dell'opinione pubblica locale. «C'è il rischio che La Gatta reiteri il reato», scrive il Riesame nel suo provvedimento. E c'è un'altra novità. Il processo vero e proprio inizierà in Corte d'Assise, a Napoli, il 22 gennaio. Saranno ascoltati in due udienze successive sei testimoni. Tra loro figurano l'imprenditore Salvatore Sassone, molto amico dell'imputato, proprietario del Resort di Pomigliano Pietrabianca, che fa da scenario a questa storia, e un dipendente del comune di Pomigliano, Franco Sodano, altro amico di La Gatta. A ogni modo ieri la famiglia Di Marzo ha espresso soddisfazione per il ritorno ai domiciliari dell'imprenditore. «Quando è tornato in libertà nel 2017 commenta Imma, sorella di Giuseppe Di Marzo mi sono ammalata. Comunque per il momento mi sta bene così: lui è tornato ai domiciliari e in tribunale dovrà rispondere di omicidio volontario aggravato».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 13 Gennaio 2019, 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP