Napoli, le antenne della telefonia fanno paura: a Pianura i cittadini bloccano la strada

di Oscar De Simone

7
  • 691
Le antenne della telefonia continuano a spaventare i cittadini di Pianura che questa mattina hanno bloccato l’accesso di via Sandro Botticelli. L’installazione del ripetitore ha acceso gli animi dei residenti, impauriti dalle possibili radiazioni sprigionate dall’apparecchiatura, a pochi passi da tre istituti scolastici. 

«Non vogliamo questa antenna - dichiarano i residenti - perché temiamo per la nostra salute. Tra di noi ci sono invalidi e bambini che non vogliamo esporre ad altri  pericoli. Il presidio durerà fin quando non saremo ascoltati, perché abbiamo raccolto oltre cinquecento firme per evitare questo intervento».
 

Nonostante le proteste gli operai continuano a lavorare protetti dai carabinieri che presidiano lo stabile.

«Come è stato possibile - si domandano i consiglieri Pasquale Strazzullo e Marco Nonno - rilasciare le autorizzazioni necessarie? La zona e densamente abitata e ci delle sono scuole frequentate da centinaia di bambini. Vogliamo andare avanti per chiarire fino in fondo la questione e restituire sicurezza e fiducia a chi ha chiesto il nostro aiuto».
Mercoledì 11 Settembre 2019, 16:08 - Ultimo aggiornamento: 11-09-2019 16:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-09-12 13:24:56
Il prezzo del progresso.
2019-09-12 01:37:22
Un bailamme di capere il cui minimo comun denominatore è l'ignoranza a livelli inimmaginabili (nessun ingegnere o esponente del mondo della ricerca medica scientifica ovviamente sarà stato interpellato), ma si sa al tempo dei social anche le pulci hanno la tosse. E allora facimm ammuin, tutto fa brodo! A parte l'ovvietà del paradosso che queste vadano a strologare con lo smartphone in mano (e uatsapp e feisbuc pò nun l'amma tenè pur nuje?) vorrei sapere quanti di loro portano i propri figli sui motorini a 3 o a 4 a mo di pullman, rigorosamente senza casco: in quel caso la tutela dei figli ce la dimentichiamo. E quanti di loro sono fumatori, poi che sia stato ampiamente dimostrato che il fumo provoca il cancro..........ce lo si dimentica. Sceneggiata napoletana, al solito!!
2019-09-11 21:14:40
C'è un particolare da pensare e valutare: chi accetta l'antenna sul tetto del proprio palazzo ci guadagna qualcosa e riceve un minor danno delle emissioni dell'antenna. Chi invece abita nei palazzi circostanti e sono compresi nel lobo di irradiazione dell'antenna subisce tutti gli eventuali danni e non ci guadagna un bel nulla. E' questa la democrazia? Per me hanno ragione a protestare. La soluzione è nei tralicci, da installare in apposite aree scelte in accordo con le Autorità locali.
2019-09-11 20:26:04
Quante tra queste contestatrici si disfano delle batterie esauste e dei farmaci scaduti in modo corretto? Per non elencare i rifiuti da differenziare
2019-09-11 18:47:37
Spero che per protestare vi siano i titoli accademici necessari, anche se non credo, perché non penso si abbia bene coscienza di cosa sia un onda elettromagnetica è da cosa è generata. Signora cara, cominci con lo spegnere in casa Wifi, telefono cordless, stacchi anche i fili elettrici perché anche quelli emettono onde. Ah e ovviamente lo dovrà fare anche tutto il quartiere intorno a lei.

QUICKMAP