«Pina, uccisa da un albero caduto al Vomero: sconcertante scaricabarile»

di Viviana Lanza

  • 48
Per la morte di Cristina Alongi, la giovane mamma schiacciata da un pino in via Aniello Falcone la mattina del 10 giugno 2013, i giudici parlano di «uno sconcertante scaricabarile» all'esito del quale «non intervenne nessuno». Cristina morì sotto il peso di un pino marittimo di 17 metri che da tempo si mostrava piegato su un fianco, con una folta chioma che preoccupava chi nei pressi dei giardinetti intitolati a Nino Taranto ci passava tutti i giorni per lavoro o perché residente in zona. Nelle 40 pagine delle motivazioni della sentenza che in Appello ha parzialmente modificato le conclusioni del primo grado, i giudici della prima sezione della Corte d'Appello (presidente Rosa Romano) hanno spiegano le ragioni del verdetto che ha significato conferma della condanna per l'agronoma del Comune di Napoli e condanna, a fronte dell'assoluzione in primo grado, del vigile del fuoco che raccolse la segnalazione di un cittadino sul pericolo che rappresentava quell'albero. Alla fine del processo di secondo grado, l'unico assolto è stato il vigile urbano Marino Reccia, difeso dall'avvocato Giuseppe Landolfo. Per l'agronoma Cinzia Piccioni Ignorato e per il vigile del fuoco Tiziano Fucci i giudici hanno stabilito la condanna a un anno e quattro mesi per il reato di omicidio colposo. Accogliendo la tesi della procura e delle parti civili (rappresentate dagli avvocati Eugenio Baffi e Maurizio Sica) nella sentenza si parla di una serie di omissioni e mancati interventi. E di più, in merito alla posizione dei tre imputati, si legge che sono «i soli chiamati processualmente a rispondere delle gravi omissioni costate la vita alla sventurata Alongi nel pur variegato e complesso panorama delle ipotizzabili responsabilità anche a livello istituzionale».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 11 Ottobre 2018, 11:30 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2018 13:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP