Carcere per il revenge porn, la mamma di Tiziana Cantone: «Per me un giorno speciale»

ARTICOLI CORRELATI
2
  • 15
«Oggi per me è un giorno davvero speciale, un primo e concreto riconoscimento di una battaglia che ho intrapreso da quando l'avverso destino mi ha portato via il bene più prezioso che la vita mi aveva donato». Così commenta il voto sul revenge porn Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone, la 31enne di Mugnano di Napoli suicidatasi il 13 settembre 2016 dopo la diffusione online di un video hot che la ritraeva. In un lungo post su facebook la donna esprime tutta la sua gioia: «Ora dopo tantissimo tempo si è aperto uno spiraglio di luce, dopo tanti palleggi e altre priorità da parte dei politici che ci governavano in precedenza. Infatti nonostante i miei disperati appelli, non ricordo che sia stato un tema prioritario per chi ci ha governato in precedenza». 
 

Dopo la tragedia che l'ha colpita, Teresa si è battuta per sensibilizzare i parlamentari sull'importanza di punire determinati comportamenti che trovano sbocco sui social, rovinando la vita di tante persone, come accaduto alla figlia Tiziana. L'ultima battaglia da vincere per la Giglio, forse la più difficile, resta quella del diritto vero all'oblio, visto che ancora oggi, nonostante diffide e denunce alle multinazionali che gestiscono le piattaforme social, il video di Tiziana è ancora in rete. 

«Il mio scopo - prosegue la Giglio sul social - è quello di restituire dignità e rispetto a Tiziana ma anche quello di aiutare tante altre vittime di questa ignobile e subdola violenza che viene perpetrata sul web, l'ennesima contro una donna, una nuova forma di 'femminicidiò. Nessun'altra deve attraversare l'inferno che ha dovuto subire Tiziana, per questo ho fondato l'associazione 'Tiziana Cantone per le altrè. Il mio unico interesse è stato sempre e solo quello di costringere le Istituzioni a legiferare anche in Italia una norma ad hoc come in tanti altri paesi». La vicenda di Tiziana Cantone ha avuto numerose ricadute sul piano giudiziario, civile e penale. Le numerose indagini penali aperte non hanno però avuto esito positivo, in particolare quelle sull'istigazione al suicidio (Procura di Napoli Nord), chiusa con l'archiviazione; è stata archiviata anche quella per diffamazione (Procura di Napoli) che vedeva coinvolti i cinque ragazzi che facevano parte della chat con Tiziana in cui sarebbe stato diffuso per la prima volta il video hot che ritraeva la ragazza. Resta in piedi a Napoli il procedimento per calunnia a carico dell'ex fidanzato di Tiziana, Sergio Di Palo, da sempre accusato da Teresa Giglio di essere il responsabile della morte della figlia.

Sul piano civile invece, la madre di Tiziana è riuscita ad ottenere una sentenza importante dal giudice di Aversa, che nel novembre 2016 censurò Facebook disponendo che sarebbero dovuti essere rimossi i link e le informazioni relativi a Tiziana una volta che ne era emersa l'illiceità dei contenuti; e ciò a prescindere da un preciso ordine dell' autorità amministrativa o giudiziaria. Una pronuncia che però non è servita a rimuovere totalmente dalla rete il filmato.
Martedì 2 Aprile 2019, 19:46 - Ultimo aggiornamento: 02-04-2019 20:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-04-02 22:01:01
Non si capisce bene quale è la piaga sociale:il farsi i film porno, ricattarsi con i film porno, mercificare il fenomeno sui siti porno. Le persone normali (anche quelle disinibite nulle pratiche sessuali,) non hanno bisogno di questa legge, i deboli , sì insieme ai mercanti e malati di immagini porno. Non è nè retorica nè oscurantismo, basta vivere in semplicità.ma questo è monotono e triste.
2019-04-02 20:55:16
Non sono daccordo. Ormai c'e' il carcere per tutto.

QUICKMAP