Rifiuti, a Marano otto indagati per il «percolato» finito in una caditoia

di Ferdinando Bocchetti

Sono otto le persone iscritte nel registro degli indagati della procura Napoli nord per la vicenda del liquido maleodorante (probabilmente percolato) fuoriuscito dai mezzi della ditta Tekra, concessionario dell'appalto per il servizio di igiene urbana sul territorio di Marano. Liquido confluito, lo scorso agosto, in una caditoia comunale. Nell'elenco degli indagati figurano alcuni dipendenti dell'azienda, addetti all'isola ecologica e un esponente del consiglio comunale. Il reato ipotizzato dagli inquirenti è illecito sversamento di rifiuti.

I fatti oggetto dell'indagine si riferiscono allo scorso 14 agosto, quando nell'isola ecologica di Marano - su segnalazione di alcuni residenti - fecero irruzione i carabinieri della locale Compagnia. I militari dell'Arma accertarono che da due autocompattatori aziendali, parcheggiati in uno spazio comunale antistante il sito per lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti, fuoriusciva il materiale oggetto dell'indagine, frutto della fermentazione della frazione organica che i camion non erano riusciti a conferire la notte precedente. Le analisi del materiale incrimianto è stato poi affidato a un'azienda privata. 
Giovedì 10 Ottobre 2019, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP