Napoli: col coltello alla gola, costringe ragazza a dormire con lui per strada

Sabato 26 Ottobre 2019

I carabinieri della compagnia Napoli Stella hanno sottoposto a fermo per maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona aggravato e lesioni personali aggravate un 30enne di origine romena senza fissa dimora.

LEGGI ANCHE Violenza sulle donne, a Napoli e provincia un arresto al giorno

Il provvedimento è stato emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli, sezioni fasce deboli. Il fatto è avvenuto la notte del 20 ottobre quando l'uomo ha raggiunto l'abitazione della ex compagna, una ragazza di origine ucraina e, dopo averla malmenata, l'ha costretta con un coltello puntato alla gola a seguirlo fuori dall'abitazione. L'ha poi obbligata a dormire insieme a lui su di un materasso abbandonato per strada finché la ragazza, approfittando di un momento di distrazione, è riuscita a scappare ed ha chiesto aiuto ai carabinieri.

LEGGI ANCHE Donne vittime di violenza, in Campania 600mila euro per percorsi formativi

I militari dell'Arma si sono messi alla ricerca dell'aggressore il quale nel frattempo si era dato alla fuga. La «caccia all'uomo» ha portato i militari a controllare anche le liste d'imbarco dell'aeroporto di Capodichino ed è così emerso che il ricercato aveva acquistato un biglietto aereo di sola andata per la Spagna.
 

 

Quindi è stato organizzato un servizio di osservazione e i carabinieri hanno rintracciato il 30enne al terminal per le partenze. L'uomo è stato portato in caserma e sottoposto a fermo. Il provvedimento è stato poi convalidato dal Gip che ha emesso la misura cautelare della custodia in carcere. La vittima ha riportato lesioni agli arti, al volto e al collo: ne avrà per 30 giorni.

Ultimo aggiornamento: 17:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA