Napoli, ucciso per una foto con Lavezzi:
un albero ricorda il tatuatore Cimminiello

Lunedì 3 Febbraio 2020
Napoli, ucciso per una foto con Lavezzi: un albero ricorda il tatuatore Cimminiello

La città di Napoli ha ricordato Gianluca Cimminiello, 31enne vittima innocente della camorra, nel decennale della sua uccisione. La manifestazione si è svolta nell'Istituto comprensivo 'Sauro-Errico-Pascoli' a Secondigliano; qui l'artista Maria Cammarota ha realizzato un'opera ricavata da un tronco d'albero morto che è così tornato a nuova vita. Alla manifestazione, tra gli altri, hanno partecipato il presidente di Libera, don Luigi Ciotti, il sindaco, Luigi de Magistris, e la sorella di Gianluca, Susy Cimminiello.

LEGGI ANCHE Tatuatore di Lavezzi ucciso, ergastolo ai due boss. E la sorella posta un video su Fb: «La camorra colpisce chi è solo»

«Questo albero - ha detto Susy - è stato troncato perché era diventato ingombrante, dava fastidio così come forse Gianluca che è stato ucciso perché ha dato fastidio a qualcuno ma nonostante la morte restano e quelle radici siamo noi la sua famiglia, i suoi amici. Una morte non porta mai del bello ma ciò che noi possiamo e dobbiamo è provare a ricostruire percorsi diversi attorno a quelle radici per raccontare ai giovani cosa è successo».

Due anni fa la stessa scuola ha intitolato la palestra alla memoria di Gianluca. «Essere qui oggi è importante perché non si deve dimenticare la morte innocente di un ragazzo della nostra terra pieno di vita, di passioni che voleva una vita normale - ha detto de Magistris - ma siamo qui per stare vicino a Susy che in questi anni si è tanto impegnata per la giustizia e la verità sui fatti che hanno portato tragicamente al barbaro omicidio di Gianluca. Una verità cercata in modo ostinato con il sostegno di tanti. Napoli - ha proseguito - è una città che si è schierata contro la camorra. Questa amministrazione e questa città hanno scelto la non violenza e l'impegno contro la camorra e per il riscatto dei territori con tante associazioni e cittadini che ogni giorno si impegnano per liberare le nostre terre dal crimine e dalla sua forma più insidiosa che è il crimine organizzato».



Gianluca fu ucciso il 2 febbraio 2010 da un commando di camorra solo per essere riuscito a scattare una foto con il suo idolo, il calciatore Ezequiel Lavezzi, allora attaccante del Napoli. Una foto che suscitò l'invidia di molti fino a diventare la sua condanna a morte. Per l'omicidio di Cimminiello, la Corte di Assise del Tribunale di Napoli ha condannato nel 2018 all'ergastolo due uomini legati al clan degli scissionisti. «Le idee di Gianluca - ha concluso il dirigente scolastico, Piero De Luca - continueranno a camminare sulle gambe di tutti».

Ultimo aggiornamento: 19:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento