«Caravaggio a Napoli, basta con i signori dei veti»

di Aldo Balestra

  • 3
«Inqualificabile. Anzi, grave. Molto grave». Il «no» ministeriale allo spostamento provvisorio del Caravaggio del Pio Monte presso il Museo di Capodimonte irrita e amareggia il professore Giuliano Volpe. Ha vissuto da protagonista, come presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici dal 2015 al 2018, la fase più effervescente della storia recente di gestione dell'immenso patrimonio culturale italiano. E questa storia delle Sette Opere di Misericordia «inamovibili», Napoli per Napoli, proprio non riesce a sopportarla.

Cosa è inqualificabile, professor Volpe?
«Il comportamento di chi getta discredito sulle scelte del sovrintendente e dei tecnici del Mibac che avevano studiato gli aspetti logistici e della sicurezza. O vogliamo credere che, insieme al direttore del museo di Capodimonte, Bellenger, non sia stato valutato in profondità ogni aspetto legato alla sicurezza del trasferimento dell'opera? Ma dico: scherziamo?».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 9 Marzo 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP