Case occupate a Napoli, sì alla quinta sanatoria: condannati inclusi

Martedì 14 Gennaio 2020 di Daniela De Crescenzo

Via alla quinta sanatoria per gli occupanti abusivi delle case degli enti pubblici. E potranno avere l'alloggio a spese della comunità anche i camorristi, se condannati in primo o in secondo grado, ma in attesa di una sentenza definitiva. Lo ha deciso la Regione all'interno delle nuove norme per l'edilizia residenziale pubblica. Il regolamento è stato pubblicato il 28 ottobre 2019 e il Comune di Napoli da giovedì ha messo a disposizione i moduli sul proprio sito. L'Acer, ex Iacp, aveva fatto la stessa cosa nei primi giorni della settimana.

Le domande devono arrivare entro il 29 aprile. Possono chiedere la cosiddetta regolarizzazione tutti coloro che da almeno tre anni abitano nell'alloggio senza averne titolo, ma senza averlo sottratto al legittimo assegnatario. I richiedenti non devono avere condanne penali passate in giudicato per delitti con la pena detentiva superiore sette anni. Possono dunque ottenere la casa anche i camorristi, se condannati solo in primo e secondo grado.

LEGGI ANCHE Lo scandalo dei bipiani di Ponticelli nelle «case» d'amianto

Per accedere alla sanatoria, bisogna impegnarsi al pagamento di tutti i canoni e i servizi maturati dalla data di occupazione, essere cittadini italiani o di un Paese extracomunitario (ma in questo caso è necessario avere un permesso di soggiorno almeno biennale e avere un contratto di lavoro subordinato o svolgere un regolare lavoro autonomo), non avere un'altra abitazione nella regione, non avere avuto precedenti assegnazioni e avere un reddito Isee non superiore a 15 mila euro.

Quante domande arriveranno? Difficile prevederlo, i sindacati ipotizzano tra le cinquemila e le settemila richieste. Spiega l'assessore alle politiche per la casa, Monica Buonanno: «Da questo momento coloro che abitano, senza legittimo titolo, in alloggi di edilizia residenziale pubblica hanno la possibilità di regolarizzare la propria posizione. Creare le condizioni per vivere nella giustizia e nella equità è compito della pubblica amministrazione: noi vogliamo riportare la legalità su un tema delicato, che riguarda tutti. Napoli crede fermamente che sia importante far luce sui problemi che sono nati in alcuni ambiti, come in quello delle politiche per la casa, e dare a tutti la possibilità di regolarizzarsi, entro i limiti previsti dal regolamento regionale».

LEGGI ANCHE Uomini topo al rione Traiano: vergogna lunga 30 anni

L'ennesima sanatoria era attesa da tempo e i sindacati del settore sono già pronti ad «accompagnare» i richiedenti. Ma tutti concordano: se non ci saranno mutamenti radicali e se non si faranno nuove graduatorie per chi aspira a un tetto ma non è disponibile a conquistarlo violando la legge, questa non sarà l'ultima sanatoria.

Sostiene Gaetano Oliva, segretario del Sila Federinquilini: «In tempi non sospetti abbiamo sottolineato che nelle nuove norme non c'è alcuna regola che permetta di bloccare le occupazioni. Quindi ci troveremo 3-4 anni con una nuova, ennesima sanatoria. Anzi la Regione ha reintrodotto la possibilità di regolarizzazione per tutti quelli che fanno parte dello stato di famiglia di qualcuno che ha abbandonato l'alloggio pubblico. Un modo per sanare anche le volture illegali». Anche Antonio Giordano, segretario del Sunia, è preoccupato: «Se non si darà il via alla prevista anagrafe regionale degli alloggi e se il Comune non farà le nuove graduatorie dei senzatetto il fenomeno delle occupazioni non si fermerà». E Domenico Lo Presto, dell'Unione Inquilini: «Il provvedimento non servirà a colpire chi lucra sul mercato illegale degli alloggi pubblici. Gli abusivi dovranno comunque pagare gli arretrati e rischieranno un processo penale, quelli che hanno dato il via alle compravendite saranno solo premiati».

Ultimo aggiornamento: 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA