De Luca: «Cancelliamo il termine Terra dei fuochi. Servono 15 siti di compostaggio»

4
  • 125
«Non parlerò mai più della terra dei fuochi, secondo me va cancellata e lo dico anche agli esponenti di Governo». Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, intervenendo a un incontro promosso dalla Coldiretti, a Napoli, dal titolo «Mai più Terra dei fuochi». «Togliamo di mezzo questa espressione, parliamo di Napoli nord, Caserta sud, parliamo di quello che volete - ha affermato - ma basta terra dei fuochi, togliamo di mezzo questa espressione che non ha motivo di esistere». De Luca ha ricordato che sulla Terra dei fuochi «abbiamo cominciato a lavorare nel luglio 2015», quando fu deciso di affidare all'Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno un «lavoro per portare a Milano, in occasione dell'Expo, una fotografia della situazione reale della Terra dei fuochi». «Dal lavoro è risultato che solo il 2% del terreno poteva presentare rischi - ha sottolineato - La Campania oggi è la regione più controllata e monitorata di Italia. Se facessimo gli stessi controlli in Lombardia verrebbero fuori cose da sant'Uffizio». «Abbiamo lanciato il programma 'Campania Trasparentè - ha concluso - se ci sono i problemi li denunceremo sennò non vogliamo rotture di scatole».

«Gli impianti si devono fare, altrimenti i rifiuti come dobbiamo smaltirli?» ha detto poi detto Vincenzo De Luca,  intervenendo a un incontro promosso a Napoli dalla Coldiretti. «Se diciamo sempre di no, ci manderanno a quel Paese - ha affermato - a Salerno abbiamo realizzato un impianto in piena città. Ma è possibile che per fare un impianto a 20 chilometri dal primo centro abitato dobbiamo continuare ad avere i comitati? È da irresponsabili. C'è qualcuno che ha un'altra idea? Ce la dia». «Abbiamo tolto di mezzo i termovalorizzatori - ha sottolineato - ma incentivare la differenziata per arrivare al 60% regionale e realizzare almeno 15 impianti di compostaggio - ha aggiunto - Ed è qui che scatta il 'comitatismò». «Gli impianti di compostaggio producono il compost che serve anche all'agricoltura - ha proseguito - Facciamo la localizzazione più attenta e neutra possibile, che crea meno problemi per il passaggio dei camion che sono 10 al giorno». «Un autoarticolato porta 40 tonnellate - ha detto ancora - sono pochi camion che passano dalle 5.30 alle 6 del mattino». «Dire no è comodo poi alla fine i costi ricadono sulle famiglie e i 190 euro a tonnellata, chi pensate che li paga? I cittadini - ha concluso - Se siete contenti così va bene».
Lunedì 30 Luglio 2018, 14:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-07-30 22:42:25
Tutte le notti bruciano plastica. Possiamo chiamarla terra dei roghi, terra della diossina, ma certamente non fare finta che il problema non esiste.
2018-07-30 17:35:04
La cambieremo quando sarà la terra della natura e della salute, intanto DeLuca godati il nominativo di una parte della regione che "governi" che si chiama giustamente "Terra dei Fuochi" . La Campani un disastro ecologico, urbanistico, stradale ecc..
2018-07-30 17:18:20
E' probabile che lui preferisca solo il fuoco delle fritture.
2018-07-30 14:33:42
Cioè, questo invece di cancellare il problema, vuole cancellare il termine con cui si indica quel problema?

QUICKMAP