Napoli, il Caan porta i libri in Tribunale: «Ma salvaguardiamo lavoratori e imprese»

Secondo quanto rende noto l'assessore comunale di Napoli, Enrico Panini, «il Centro Agro-Alimentare di Napoli con sede a Volla ha depositato presso il Tribunale di Nola il Piano Concordatario della Società, documento con il quale vengono fissati gli obiettivi strategici e gli interventi previsti per i prossimi cinque anni per il rilancio della società partecipata del Comune di Napoli. Con questo piano, infatti, sono state approvate dal consiglio di amministrazione le giuste leve per tutelare il buon funzionamento della struttura mercatale, evitando ogni forma di disservizio, salvaguardando i livelli occupazionali del personale e la piena attività delle imprese in esso operanti».

«Il Caan - dichiara l'assessore Panini - possiede tutte le carte in regola per divenire un Polo di eccellenza dell'agro alimentare campano; una struttura mercatale di riferimento per l'intero comparto del «buon cibo» non solo in Italia ma, forte della sua posizione geografica privilegiata, anche per il resto dei Mercati del Mediterraneo. L'amministrazione ha voluto fortemente evitare il fallimento di questa sua partecipata che produce utili e dà lavoro ad oltre duemila persone e che rappresenta un essenziale servizio per i cittadini e gli operatori della città. Con il piano concordatario, dunque, si prospetta il rilancio della Società e la salvaguardia di tutti i suoi posti di lavoro».
Giovedì 19 Luglio 2018, 11:46 - Ultimo aggiornamento: 19-07-2018 19:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP