Unione Industriali di Napoli, dopo cinque anni Graziano e Lettieri fuori dal direttivo

Domenica 21 Febbraio 2021 di Valerio Iuliano
Unione Industriali di Napoli, dopo cinque anni Graziano e Lettieri fuori dal direttivo

Gli industriali partenopei hanno un nuovo Consiglio direttivo, ricostituitosi dopo più di un lustro. I nomi che ne fanno parte sono quelli previsti, tuttavia spicca l’assenza, tra i past president, di due ex leader di Palazzo Partanna, ovvero due industriali di rilievo come Gianni Lettieri e Paolo Graziano. «Del Consiglio direttivo - si legge in una nota dell’Unione - fanno parte il presidente Maurizio Manfellotto e gli altri componenti del Consiglio di presidenza, ovvero i vicepresidenti».

LEGGI ANCHE Unione Industriali, attacco hacker al webinar 

Tra i vice di Manfellotto figurano Renzo Iorio, Costanzo Jannotti Pecci, Carlo Palmieri, Giancarlo Schisano, Francesco Tavassi, Alessandro Di Ruocco, leader dei Giovani Imprenditori, e Anna Del Sorbo, presidente del Gruppo Piccola Industria. Del Consiglio direttivo fanno parte anche i delegati Giancarlo Carriero, Fabio De Felice, Paolo Minucci Bencivenga e Luigi Salvatori. E, con loro, i past president Antonio D’Amato, leader degli Industriali dal 1999 al 2000, Tommaso Iavarone, presidente dell’Unione dal 2000 al 2004, e Ambrogio Prezioso, presidente dal 2014 al 2018. A completare il direttivo ci sono 15 membri nominati dallo stesso Manfellotto. Si tratta di Nicola Arnone, Eugenio Basile, Luciano Cimmino, Paolo Di Giovanni, Angelo Gava, Sergio Maione, Francesco Manna, Mario Mattioli, Domenico Menniti, Gennaro Moccia, Alessandro Picardi, Nicola Giorgio Pino, Carlo Pontecorvo, Paolo Scudieri, Immacolata Simioli. «La costituzione del nuovo organismo - fanno sapere da Palazzo Partanna - risponde all’obiettivo di garantire una più diffusa partecipazione alla vita associativa, una forte capacità progettuale dell’Unione Industriali, un modello organizzativo capace di raccogliere e rappresentare interessi e fabbisogni di un ampio numero di imprese».

Video

Nel direttivo compaiono, dunque, in qualità di past president, tre dei leader dell’Unione Industriali dell’ultimo ventennio. Ma nello stesso gruppo mancano Gianni Lettieri - attuale patron di Atitech e numero uno dell’Unione per sei anni, dal 2004 al 2010 - ed il suo successore Paolo Graziano, uno degli artefici della ricomposizione del dialogo tra gli industriali e presidente dal 2010 al 2014. Secondo indiscrezioni che trapelano da Palazzo Partanna, l’esclusione di Lettieri in particolare sembrerebbe legata alla verifica dei requisiti tecnici necessari per assumere incarichi in seno all’Unione. La verifica è in corso - da parte degli organismi deputati - e la posizione di Lettieri è quindi da definire. Tuttavia non è impossibile che Lettieri venga reintegrato nel direttivo. Il leader di Atitech ha ancora la possibilità di rientrare. Restano, comunque, le distanze già determinatesi in passato tra lo stesso Lettieri e l’Unione Industriali. Bisognerà capire se ci sono ancora i margini per ricucire lo strappo tra le due parti. La ricostituzione e l’insediamento del direttivo è scaturita dal recente annullamento, da parte del presidente della Confindustria Carlo Bonomi, dell’Advisory Board, un organismo che, peraltro, non era mai stato costituito a Napoli. «Tra i compiti del Consiglio direttivo - spiegano da Palazzo Partanna - figurano l’elaborazione delle strategie di medio e lungo periodo e dei posizionamenti dell’Associazione, attraverso l’analisi dei contesti di riferimento, l’approfondimento di problematiche e priorità, l’ascolto di bisogni e aspettative della base associativa». 

Ultimo aggiornamento: 11:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA