Pd, esordio caos: lite su quote rosa e nuovo presidente

di Adolfo Pappalardo

  • 176
Doveva essere un'assemblea regionale senza scossoni. Figuriamoci, il Pd inciampa subito e proprio sulle donne. Quando vengono letti i 4 nomi da far sedere nell'ufficio di presidenza: non c'è nemmeno una quota rosa. E scoppia il caos nella prima assise che elegge il segretario Leo Annunziata. Urla, interventi durissimi, contestazioni e due nomi (di maschi) poi ritirati. «E meno male che si doveva voltare pagina», urla nel suo intervento Lina Miele, la segretaria di San Gennaro Vesuviano. E aggiunge un altro punto già contestato ma che dopo l'incidente delle quote rosa diventa la pietra dello scandalo: «Il presidente non è stato eletto in assemblea». Che poi è il salernitano Nicola Landolfi, già segretario del Pd a trazione deluchiana. E devono ripartire le trattative già chiuse.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 26 Marzo 2019, 07:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP