Napoli, dopo due anni ripartono i trapianti al Monaldi

di Ettore Mautone

1
  • 30
Linoleum colorato, stanze e letti nuovi, ragazzi che indossano la mascherina al fianco delle mamme e dopo la vetrata, in fondo al corridoio, la grande parete colorata che rapisce lo sguardo. Qui domina l’azzurro con i disegni di pesci e delfini. Queste le immagini che restano impresse - oltre quelle del fiume di operatori che sfilano nelle grandi occasioni - per l’inaugurazione, ieri al Monaldi, di quattro nuovi reparti dell’area cardiologica (Assistenza meccanica al circolo cardiaco e Trapianti negli adolescenti di Andrea Petraio, Tecniche innovative in cardiochirurgia guidato da Michelangelo Scardone, Scompenso cardiaco e Cardiologia riabilitativa attribuito a Giuseppe Pacileo e Malattie cardiologiche congenite con a capo Bernardo Sarubbi) e di altri due ristrutturati (Chirurgia toracica di cui è primario Carlo Curcio e Otorino di Carlo Antonio Leone), altrettante eccellenze della sanità regionale.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 17 Marzo 2019, 00:00 - Ultimo aggiornamento: 17-03-2019 11:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-03-17 23:09:10
Certo è che per qualche formica avete fatto ben altro sforzo!

QUICKMAP