Bare con resti umani dei cimiteri scoperte in un capannone: per risparmiare sulla cremazione

Il capannone di Scurelle in Alta Valsugana
ARTICOLI CORRELATI
Una cooperativa sociale dell'Alta Valsugana, in Trentino, è finita nel mirino dei carabinieri del Noe e della Procura di Trento dopo il ritrovamento di 27 bare contenenti resti umani provenienti da numerosi cimiteri del Veneto che erano state ammassate in un capannone a Scurelle.

Bed and breakfast a luci rosse: alle escort offriva "servizi collaterali"

Dalla documentazione amministrativa e ambientale sequestrata nel corso delle indagini, gli investigatori ritengono che negli ultimi mesi siano transitate dal capannone di Scurelle più di 300 salme. Anziché portare come previsto le salme dai cimiteri ai forni crematori, la cooperativa - questa l'ipotesi d'accusa - le avrebbe depositate presso il capannone di Scurelle dove le spoglie dei defunti sarebbero state tolte dalle casse funebri in legno e zinco per essere infilate in sacchi di nylon che venivano successivamente riposti in scatole di cartone che, una volta sigillate, venivano inviate al forno crematorio. Le bare, invece, dopo essere state sezionate e separate dalle parti metalliche, sarebbero state avviate a smaltimento in centri della zona. Tale modalità di gestione - sostengono gli investigatori - avrebbe permesso di ottenere alla cooperativa dell'alta Valsugana un vantaggio economico dovuto dai minori costi di cremazione, stimato in circa 400 euro a salma. Le ipotesi di reato, al vaglio della Procura della Repubblica di Trento, sono di vilipendio di cadavere e gestione illecita di rifiuti. Il capannone è sotto sequestro.

 In particolare il personale della Polizia Locale, dopo aver notato che all'interno del capannone, apparentemente in stato di abbandono, si trovavano delle persone al lavoro, non avendo ricevuto da queste esaustive spiegazioni su quanto stavano effettuando e considerato che dall'interno dello stabile provenivano odori sgradevoli, ha allertato i Carabinieri del Noe di Trento e della Compagnia di Borgo Valsugana per gli accertamenti del caso.

I Carabinieri del Noe, hanno scoperto che all'interno del capannone si trovavano delle salme umane ed hanno quindi chiesto l'intervento di personale dell'Ufficio di Igiene e Sanità pubblica provinciale. In una condizione di generale degrado, sono così state individuate, accatastate una sopra l'altra, 24 bare contenenti le spoglie di defunti provenienti da differenti cimiteri del Veneto, mentre altre 3 casse in zinco si trovavano aperte sul pavimento.

 
 
Giovedì 18 Aprile 2019, 14:20 - Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 11:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-04-19 11:13:20
che miseria umana. quello che mi dispiace è che la mancanza di rispetto per i morti (e per i vivi) è talmente generalizzato in questo paese da far pensare che è proprio il concetto stesso di rispetto dell'altro e quindi di noi stessi che è venuto a mancare in italia
2019-04-19 10:24:30
... l'unica verità che dice il sindaco di napoli(il resto sono tutte sciocchezze)e quello che le reti televisive private e pubbliche accerchiano napoli per fermare il turismo e deviarlo nelle regioni del nord, per che sanno bene che napoli turisticamente ha potenziali anche superiori a roma!
2019-04-19 08:01:45
Questa è una fetenzia spero che i colpevoli siamo severamente puniti, a parte il reato ma hanno commesso un sacrilegio. Poi parlano di Napoli
2019-04-18 17:34:48
Successo nel "civile" e "tedesco" trentino, fosse successo al sud o a napoli apertura di tutti i tg nazionali e notizia da prima pagine dei "giornaloni"... invece silenzio tombale..... e scusate il gioco di parole.... I primi razzisti non sono gli italiani ma i media....

QUICKMAP