Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

David Rossi, l'ennesimo giallo: «La mail in cui annunciò il suicidio venne creata dopo la sua morte»

Giovedì 13 Gennaio 2022
David Rossi, l'ennesimo giallo: «La mail in cui annunciò il suicidio venne creata dopo la sua morte»

La morte di David Rossi è ormai un mistero che sembra impossibile da risolvere. L'ultimo tassello viene da una relazione della polizia postale, che mette in dubbio la prova chiave utilizzata dai magistrati di Siena: secondo questa relazione, la mail in cui annunciava il suicidio sarebbe stata creata dopo la sua morte. Rossi, ex responsabile della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, morì il 6 marzo 2013 dopo essere precipitato da una finestra laterale della sede di Mps in piazza Salimbeni.

Secondo quanto scrive L'Espresso, la polizia postale ha analizzato le mail inviate da Rossi il 4 marzo all'ad Fabrizio Viola, tra le quali quella che annucia il suicidio: ma di questa mail ci sarebbero due versioni, entrambe create il 7 marzo 2013 alle 11.41, quindi dopo il decesso. E anche il suo iPad sarebbe stato attivo per ricezione o invio di posta elettronica fino al 7 marzo alle 2. Due anomalie che lanciano un'ombra di mistero, l'ennesima, sulla morte di Rossi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA