Luca, il cuoco 19enne morto a Londra. La denuncia della famiglia: «Curato per l’influenza e mai un tampone»

Domenica 29 Marzo 2020
Luca Di Nicola, 19 anni
È giallo sulla morte di Luca Di Nicola, il 19enne cuoco italiano di Nereto, provincia di Teramo, morto a Londra poco dopo essere stato trasportato in ospedale in seguito ad una crisi respiratoria per sospetto coronavirus.



Giada, la zia di Luca, è la portavoce della rabbia della famiglia, come riporta Repubblica.it: «Per una settimana prima di morire - ha dichiarato al quotidiano romano - Luca ha avuto febbre e tosse come mia cognata Clarissa e il suo compagno Vincenzo che vivevano nella stessa casa. Pareva influenza: il medico di base a Londra ha somministrato a mio nipote del paracetamolo. Ma Luca si è aggravato il 23 marzo. Il medico lo ha visitato a casa e gli ha detto che era giovane, forte e che non si doveva preoccupare di quella brutta influenza».

Luca è collassato dopo aver patito dei dolori al petto. Visto il precipitarsi della situazione, è stata chiamata l'ambulanza. Ancora la zia del ragazzo:
«L’hanno intubato e subito ricoverato in terapia intensiva al North Middlesex Hospital di Londra. Ma dopo mezz’ora, intorno alle 7 di sera, Luca è morto. Senza aver fatto neanche una lastra prima».

Le autorità inglesi, fanno sempre sapere i famigliari di Luca, avevano detto di aver fatto un tampone post mortem. Invece pare che gli esami saranno forse eseguiti martedi.


La notizia della morte era stata data dal vicesindaco di Nereto Maria Angela Lelii. Da quanto ho appreso il ragazzo era a casa da alcuni giorni curato dal suo medico per una semplice influenza - dice il vicesindaco - fin quando ieri la situazione è precipitata. Pare sia svenuto, la madre ha chiamato l'ambulanza, all'arrivo dei paramedici è stato intubato perché aveva i polmoni collassati. È stato portato in rianimazione ma purtroppo è morto».

Il ragazzo si era trasferito da alcuni anni a Enfield Town, periferia nord di Londra, dove aveva raggiunto la madre Clarissa e il compagno di quest'ultima Vincenzo e dove lavorava come aiuto cuoco in un ristorante. A Nereto vivono ancora il padre e il fratello. 
Ultimo aggiornamento: 12:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA