Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin malato di tumore e Parkinson? I segnali già da novembre 2020, ecco cosa sappiamo

Domenica 3 Aprile 2022 di Mario Landi
Putin malato di tumore e Parkinson? I segnali già da novembre 2020, ecco cosa sappiamo

Putin è malato? E di cosa? Mentre la guerra infuria in Ucraina (qui le ultime notizie), il tema è tutt'altro che nuovo. L'analista politico Valery Solovei già nel novembre 2020 avanzò l'ipotesi che il presidente russo avesse sviluppato il cancro e il Parkinson, tenendolo nascosto all'opinione pubblica russa. Nonostante le smentite del Cremlino, Solovei affermò che Putin aveva ricevuto cure per una malattia degenerativa già nel febbraio 2021. Una fonte russa diversa ha anche affermato che il Putin avesse subito un intervento chirurgico per un cancro addominale.

Putin destituito dal potere entro due anni? L'intelligence: ecco perché è nel mirino della sua cerchia ristretta

Cosa ha detto Solovei

Parlando di entrambe le malattie nel 2020, Solovei affermò: «Una è di natura psico-neurologica, l'altra è un cancro. La seconda diagnosi è molto, molto più pericolosa della prima in quanto il Parkinson non minaccia lo stato fisico, ma limita solo le apparenze pubbliche». Le teorie sul Parkinson di Putin sono riemerse a fine marzo dopo che il presidente fu visto zoppicare dopo una manifestazione a favore della guerra. Secondo Sir Richard Dearlove, ex capo dell'MI6 «il comportamento di Putin è pregiudicato o compromesso dalla malattia. La migliore spiegazione, che non sappiamo se corretta o meno, è che potrebbe avere il Parkinson».

 

I media russi: «Putin ha un tumore alla tiroide»

Le perplessità internazionali

Marco Rubio, senatore degli Stati Uniti e membro di alto livello del Comitato di intelligence del Senato, ha recentemente ipotizzato che «qualcosa non va» con il numero uno del Cremlino. «Vorrei poter condividere di più - ha detto al Telegraph - ma posso dire che è abbastanza ovvio che qualcosa non va con Putin». L'analisi comparativa delle apparizioni pubbliche mostra un cattivo aspetto con un viso sempre più gonfio, giorno dopo giorno. Gli esperti ritengono che questo deterioramento sia probabilmente dovuto a un trattamento a base di steroidi e molti suggeriscono che i potenti farmaci sono stati prescritti per un problema alla schiena. Altri però ritengono che il farmaco venga utilizzato perché il leader soffre di cancro. Gli effetti collaterali degli steroidi includono repentini sbalzi d'umore e gravi cambiamenti comportamentali. Una dose elevata di steroidi può persino causare confusione o alterazione della cognizione, secondo il Macmillan Cancer Support. Fiona Hill, ex esperta alla Casa Bianca sulla Russia, ha detto a Politico: «Putin non ha un bell'aspetto, ha la faccia piuttosto gonfia. Sappiamo che si è lamentato per problemi alla schiena, ma è probabile che stia assumendo alte dosi di steroidi. Sembra però esserci un'urgenza dettata da altri fattori personali».

Putin a rischio colpo di stato? Al momento è solo una speranza, i “siloviki” sono con lui: ecco chi sono

Luba, la 29enne stuprata dai russi a Kharkiv per una settimana e uccisa davanti la mamma invalida

Gli indizi sul tumore

Esperti provenienti da Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti ritengono che ci sia una spiegazione fisiologica per l'invasione dell'Ucraina, causata dal «comportamento sempre più irregolare», secondo quanto riferito. Team medici avanzano teorie secondo cui Putin potrebbe soffrire di cancro e le cure mediche che sta ricevendo hanno alterato l'equilibrio della sua mente. Le fonti citano anche la decisione del leader russo di isolarsi fisicamente dagli ospiti poiché l'uso di droghe sta sopprimendo il suo sistema immunitario. Emmanuel Macron è stato costretto a sedersi all'altra estremità di un tavolo di 13 piedi durante un incontro e anche il ministro degli esteri Sergei Lavrov era seduto all'altra estremità di un tavolo particolarmente lungo. «C'è stato un cambiamento identificabile nel suo processo decisionale negli ultimi cinque anni. Chi lo circonda vede un netto cambiamento nella forza e nella chiarezza di ciò che dice e di come percepisce il mondo che lo circonda», afferma una fonte della sicurezza al Mail on Sunday.

Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 14:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA