Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Soldatesse ucraine rasate a zero dai russi: «In segno di umiliazione e disprezzo»

Domenica 3 Aprile 2022
Soldatesse ucraine rasate a zero dai russi: «In segno di umiliazione e disprezzo». LA FOTO

Donne rasate a zero per umiliarle, in segno di disprezzo. E' la denuncia su Facebook del presidente della Commissione Diritti umani del parlamento ucraino, Dmytro Lubinets, che spiega che tra gli 86 prigionieri ucraini rilasciati dai russi il primo aprile nell'ambito di uno scambio ci sono 15 soldatesse che sono state rasate a zero «in segno di umiliazione, arroganza, disprezzo».

Ucraina, ciambelle avvelenate agli invasori russi: due soldati morti, 28 in ospedale

Lubinets posta sul suo profilo Facebook anche una foto delle soldatesse con la testa rasata. «Atrocità di questo tipo furono commesse dai fascisti nei campi di concentramento», scrive Lubinets sottolineando di essere sicuro che «scopriremo ancora di più sui crimini contro militari e civili ucraini. Tutto questo diventerà la base per il Tribunale dell'Aia». «In che modo le azioni degli occupanti russi sono diverse dai fascisti? In niente! Sono anche peggio», scrive ancora Lubinets. 

Ultimo aggiornamento: 4 Aprile, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA