«Impeachment per Trump», Amash rompe il fronte repubblicano

Domenica 19 Maggio 2019 di Luca Marfé
«Il comportamento di Donald Trump merita l’impeachment».

Parole forti, cui la platea politica a stelle e strisce si è tuttavia abituata. C’è un “però” ed è gigantesco: questa volta a firmarle è un repubblicano.

Justin Amash, giovane deputato del Michigan, punta il dito contro il presidente e rilancia addirittura nei confronti del ministro della Giustizia William Barr, colpevole a suo dire di aver fatto deragliare le indagini sul Russiagate.



Che il partito dell’elefantino non abbia mai sentito come proprio questo inquilino della Casa Bianca è cosa ben nota da prima ancora che il tycoon venisse eletto. Ma che lo stesso partito alzi la voce in questo modo contro il rappresentante di quella destra americana in cui entrambe le parti dovrebbero comunque rispecchiarsi, be’, è una vera bomba che esplode al centro della scena di Washington.

Nello specifico, Amash sottolinea la gravità del fatto che la versione integrale del rapporto Mueller sia stata in buona sostanza impedita ai membri del Congresso. Una prova di per sé già sostanziale, sempre secondo l’agguerrito deputato, capace di evidenziare quella ostruzione alla giustizia che potrebbe inchiodare Trump alla croce dell’impeachment.

I democratici sembravano aver abbandonato il sentiero giudiziario, ma tornano di colpo ad eccitarsi in virtù della breccia che i repubblicani aprono in casa loro.

L’ennesimo capitolo di una storia pressoché infinita, destinata a durare almeno fino alla prossima tornata elettorale.

Ultimo aggiornamento: 15:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA