Matera simbolo del riscatto: ecco il piano per il rilancio del Mezzogiorno

di Nando Santonastaso

Matera rampa di lancio per il riscatto del Sud, dalla capitale europea 2019 della cultura la spinta per scoprire e ricostruire un Mezzogiorno diverso almeno rispetto alla narrazione abituale. Chiaro il messaggio del presidente del Repubblica e del premer, più complicata e ancora in gran parte difficile da intravedere la strada per arrivarci e soprattutto la visione che dovrà accompagnarla. Partiamo dai fatti: il via libera alla riserva al Sud del 34% della spesa ordinaria di ministeri, Anas e Fs, ancora non c'è e il rischio che possa finire nella pericolosa partita delle nuove autonomie rafforzate delle Regioni del Nord è tutt'altro che remoto; della sburocratizzazione degli investimenti per le Zes, che dovrebbe avvenire attraverso il Dl semplificazioni, c'è al momento solo l'emendamento presentato dal ministro per il Sud Barbara Lezzi; e soprattutto non si capisce ancora quando e su cosa dovrà lavorare la cabina di regia interministeriale, prevista dalla manovra, cui dovrebbe spettare .- in sinergia con Invitalia ed altre società pubbliche - l'aiuto agli enti locali in difficoltà nella progettazione di opere (soprattutto per mancanza di uffici adeguati) e che il premier Conte ha concentrato a Palazzo Chigi per evitare conflitti di competenze tra Tesoro e Infrastrutture. Insomma, Reddito di cittadinanza a parte (e i dubbi sul suo effettivo impatto non sono pochi), il cantiere Sud sembra ancora in divenire.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 21 Gennaio 2019, 11:30 - Ultimo aggiornamento: 21-01-2019 14:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-21 14:19:19
Matera quale...la "citta'" che non ha nemmeno la stazione ferroviaria? Capitale "europea" o del Burkina Faso ?

QUICKMAP