Per Raggi rilancio nel M5S una spina per Conte con la sponda di Grillo

Sabato 18 Settembre 2021
Per Raggi rilancio nel M5S una spina per Conte con la sponda di Grillo

ROMA Raggi in difficoltà nei sondaggi per la corsa al Campidoglio, ma Virginia uber alles nel voto con cui è stato scelto il Comitato dei garanti M5S. Non hanno votato in tanti - a riprova della disaffezione del base stellata: solo in 30.073 hanno partecipato allo scrutinio elettronico su 115mila aventi diritto, appena 1 su 4 dunque - ma la Raggi ha doppiato sia Fico sia Di Maio nelle preferenze dei militanti: lei 22,289 e loro 11.949 e 11.748. Ecco, se non avrà più la poltrona di sindaco, di sicuro la donna più amata dal popolo stellato è stata mandata a sedersi in uno dei posti di vertice del movimento. E a decidere che così sarebbe dovuto essere è stato Beppe Grillo, il suo vero estimatore. Le ha dato, nel Comitato dei garanti considerato il luogo del contro-potere di Beppe nei confronti di Conte, un paracadute post-Campidoglio. Ma forse anche di più. Se l'ex premier dovesse fallire nella leadership di M5S - e già le Comunali saranno un super-flop che verrà rimproverato a lui che infatti si sente prematuramente «un po' stanco» la Raggi, considerando il piglio politico-personale da combattente e l'ammirazione che suscita tra gli attivisti ma soprattutto presso Grillo che è il suo vero mentore e sostenitore, andrà alla guida del movimento? Non è una domanda peregrina. Anche perché Grillo, silente ma non assente, non nasconde di essere insoddisfatto di Conte o comunque è lontano da lui - guarda caso neppure gli ha fatto i complimenti per l'elezione a presidente 5 stelle - e tra la linea «democristianeggiante» di Giuseppi e la foga identitaria di Virginia predilige la seconda.



E' presto per definire la leadership di Conte come il fallimento di un'illusione, ma è un fatto che inserire la Raggi ai vertici del movimento un significato politico, ben oltre la carica che va a ricoprire, ce l'ha. Ed è appunto quello di valorizzare e assai una figura di spicco del firmamento e della storia grillina e di darle un protagonismo capace forse di rivitalizzare una forza politica in grave crisi e che uscirà con le rossa rotte dal voto del 3 e 4 ottobre.
Virginia come la post-Giuseppi potrebbe funzionare, se non altro perché tra i due non c'è mai stato grande feeling. Inutile ricordare quanto Conte avesse voluto, fino all'ultimo momento utile, non una ricandidatura di Virginia a sindaco ma un accordo in rossogiallo con i dem per un candidato comune in Campidoglio. E adesso, mentre il primo smania per fare l'endorsement filo-Gualtieri nel caso al ballottaggiol vada lui come dicono i sondaggi, la Raggi probabilmente ne farà volentieri a meno. Alla Camera tra gli stellati - quelli che non vogliono devolvere 2500 euro dei propri emolumenti per finanziare il nuovo partito modello Conte - c'è chi fa notare: «Per resuscitare M5S meglio una donna tosta come Virginia che un moderatone come Conte. Lui vada pure nel Pd che a noi ci pensiamo noi stessi». Qualcuno suggerisce che anche Di Maio, l'unico politico vero da quelle parti, alla fine tra Virginia e Giuseppi potrebbe strategicamente ritenere più utile lei che lui per non diluire il grillismo in un democraticismo modello Nazareno, come se non ci fosse già l'originale. Ma chissà. Oltretutto, la Raggi - che ha nel Dibba il suo primo tifoso e il più convinto nel dire: «Virginia merita un secondo mandato da sindaca» - è la persona giusta per riannodare M5S a tutto quel mondo antagonista che è stato il brodo primordiale degli stellati e a cui sia lei sia Grillo sono ancora legati mentre la pochette di Conte è poco gradita.

Intanto l'ex premier ha salutato così la nascita del nuovo Comitato dei garanti: «Auguri a Raggi, Fico e Di Maio». Che però saranno anche quelli che, per statuto, possono sfiduciarlo.


M.A.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA