Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I 130 anni del Mattino: vota la tua prima pagina preferita

 

Le prime pagine storiche del Mattino incontrano i lettori e li rendono partecipi di un contest. Oggi il Mattino ha regalato a tutti gli appassionati la prima pagina del 16 marzo 1892, con l’editoriale di Edoardo Scarfoglio che racconta la nascita del quotidiano e con il primo numero della celebre rubrica «Api, mosconi e vespe» di Matilde Serao. Per i successivi dieci mesi, ogni giorno 15, Il Mattino riproporrà in sovracopertina una prima pagina del passato. Saranno i lettori a scegliere le dieci prime pagine più belle e più importanti attraverso questo contest. Qui ci sono trenta copertine storiche selezionate tra centinaia dalla redazione: sarà possibile votarle per 30 giorni, fino al 14 aprile. Le dieci che otterranno più voti saranno ripubblicate, una al mese. 

 

Il viaggio tra le pieghe della storia del Mattino è lungo ed emozionante. Si comincia con l’entrata in guerra dell’Italia contro l’Austria nel maggio del 1915 che segnò il primo conflitto mondiale. L’11 giugno 1940 vi fu invece la dichiarazione di guerra alla Francia e all’Inghilterra da parte di Mussolini in un’Italia già fascista e che avrebbe conosciuto nei successivi anni la disfatta della seconda guerra mondiale. Si arriva così ai risultati del Referendum costituzionale del ‘46 che decretarono la vittoria del fronte repubblicano. 

Gli anni Cinquanta sono rappresentati dalla morte di Benedetto Croce, mentre i Sessanta si ricordano per l’Oscar a Sophia Loren per «La Ciociara» (1962), l’assassino del presidente americano Kennedy (1963), la morte di Totò nel ‘67 e lo sbarco dell’uomo sulla luna con data luglio 1969. 

Gli anni Settanta a Napoli furono segnati dal dramma del colera a Napoli e termineranno con un’altra tragedia, il terremoto dell’Irpinia del 23 novembre 1890, cui Il Mattino dedicò la celeberrima prima pagina dal titolo «Fate presto», riprodotta persino da Andy Warhol. Ci pensò Maradona a risollevare sportivamente la città con la vittoria di due scudetti e di una coppa Uefa. Si arriva così pian piano ai giorni nostri, dal crollo delle torri gemelle l’11 settembre 2001 fino al dramma del Covid e del lockdown, passando per la morte di grandi napoletani come Pino Daniele e Luciano De Crescenzo. 

I lettori decreteranno quali di queste storie che hanno segnato il nostro vissuto saranno riproposte nei prossimi mesi sul giornale, in un ideale dialogo tra ieri e oggi, con uno sguardo al domani.

11 – 26 novembre 1980 – Il dramma del terremoto dell'Irpinia
29,7%
15 – 10 maggio 1987 – Il Napoli vince il primo scudetto
21,2%
18 – 30 aprile 1990 – La vittoria del secondo scudetto del Napoli
3,7%
16 – 19 maggio 1989 – La vittoria della Coppa Uefa del Napoli
3,6%
10 – 31 agosto 1973 – Il diffondersi del colera a Napoli
3,5%
9 – 21 luglio 1969 – Lo sbarco dell'uomo sulla luna
3,5%
3 – 11 giugno 1940 – L'Italia entra nella Seconda guerra mondiale
3,5%
1 – 23-24 maggio 1915 – L'Italia entra nella Prima guerra mondiale
3,5%
4 – 11 giugno 1946 – L'Italia diventa una Repubblica
3,5%
14 – 24 settembre 1985 – L'omicidio di Giancarlo Siani
3,4%
8 – 16 aprile 1967 – La morte di Totò
2,9%
28 – 26 novembre 2020 – La morte di Diego Armando Maradona
2,0%
19 – 5 giugno 1994 – La morte di Massimo Troisi
1,6%
13 – 2 novembre  1984 – La morte di Eduardo De Filippo
1,6%
20 – 12 settembre 2001 – L'attentato alle Torri Gemelle di New York
1,6%
25 – 5 gennaio 2015 – La morte di Pino Daniele
1,5%
17 – 10 novembre 1989 – La caduta del muro di Berlino
1,4%
12 – 12 luglio 1982 – L'Italia vince il Mondiale di Spagna
1,2%
27 – 10 marzo 2020 – Coronavirus, l'Italia in lockdown
0,9%
30 – 25 febbraio 2022 – La guerra tra Russia e Ucraina
0,8%
7 – 23 novembre 1963 – L'assassinio del presidente Usa Kennedy
0,8%
5 – 21 novembre 1952 – La morte del filosofo Benedetto Croce
0,7%
29 – 12 luglio 2021 – L'Italia di Mancini vince gli Europei
0,7%
22 – 7 ottobre 2011 – La morte del fondatore di Apple Steve Jobs
0,6%
6 – 9 aprile 1962– Il premio Oscar a Sophia Loren per “La ciociara”
0,6%
21 – 10 luglio 2006 – La vittoria al Mondiale di Germania dell'Italia
0,6%
2 – 3-4 agosto 1921 – La morte del tenore Enrico Caruso
0,5%
24 – 4 marzo 2014 – L'Oscar a Paolo Sorrentino per “La grande bellezza”
0,4%
26 – 19 luglio 2019 – La morte di Luciano De Crescenzo
0,3%
23 – 12 febbraio 2013 – Le dimissioni di papa Benedetto XVI
0,3%



AVVERTENZA: le rilevazioni online de Il Mattino non hanno un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.
Torna all'elenco dei sondaggi

EDITORIALE

di Antonio Menna

Ci risiamo. Puntuale ritorna la tempesta perfetta della Napoli paralizzata. Oggi e domani, nuovo sciopero dei taxi. Questa volta l’agitazione è su tutto il territorio nazionale e Napoli, ovviamente, aderisce compatta. Sui doveri – si sa - si deroga. Pos, decoro, pulizia, uso chiaro del tassametro, trasparenza su tariffe e prezzi, qualità del servizio possono attendere. Ma sulla protesta, ci si allinea sempre. Sciopero...

... continua

COVID-19 La mappa del contagio

Speciale Università