Emigratis, Pio e Amedeo da Elisabetta Franchi. E lei racconta: «Ero poverissima, lavoravo al mercato»

Emigratis, Pio e Amedeo da Elisabetta Franchi. E lei racconta: «Ero poverissima, lavoravo al mercato»
Emigratis, Pio e Amedeo da Elisabetta Franchi. E lei racconta: «Ero poverissima, lavoravo al mercato»
di Bianca Amsel
Giovedì 29 Settembre 2022, 13:46 - Ultimo agg. 15:17
3 Minuti di Lettura

Elisabetta Franchi, protagonista della prima puntata di Emigratis – La resa dei conti, si è raccontata, spiegando il suo percorso da stilista. L'imprenditrice nei mesi scorsi è stata investita dalle polemiche per alcune dichiarazioni sulle donne in maternità e il lavoro. A fare maggiore chiarezza sulla sua vita, i due comici Pio e Amedeo che hanno fatto irruzione in casa sua

Sonia Bruganelli si racconta: «Sono libera e dico ciò che penso, ma questo sui social dà fastidio»

Elisabetta Franchi cerca nuovo responsabile della comunicazione: su LinkedIn in un giorno si candidano in 700

«Lavoravo al mercato»

Dopo aver tormentato Alan, compagno di Elisabetta Franchi, Pio e Amedeo sono tornati a puntare i riflettori sull'imprenditrice. «Come ho cominciato? Ho lavorato ai mercati. Non avevo neanche una bancarella mia, lavoravo per uno che l'aveva. Lì ho imparato il fiuto commerciale. Quindi sono andata in banca, ho chiesto un piccolo prestito e mi sono aperta la mia aziendina con tre dipendenti. Si chiamava Le Complici. Dopo tre anni, ho deciso di fare la mia strada da sola. È nata la Betty Blue S.P.A.»
 

Quando è arrivato il successo

Ora vive in una bella casa e può permettersi borse che costano 8mila euro ma da giovane, ribadisce l'imprenditrice, era poverissima. «Possedevo una Fiat Uno bianca usata, non avevo niente. Alan mi è sempre stato vicino, anche quando ero in difficoltà. È per quello che oggi è al mio fianco». Solo nel 2012 nasce definitivamente il marchio Elisabetta Franchi, le sue collezioni riescono a conquistare le donne di tutte le età, grazie allo stile romantico ma allo stesso tempo sensuale. Oggi il brand conta 1.100 stores multimarca e 80 stores monomarca, dislocati nelle città più importanti di tutto il mondo, anche in mercati più difficili come Cina, Russia ed Emirati Arabi con un fatturato di oltre 100 milioni di euro l’anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA