Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Andrea Conti, morto dopo una settimana di agonia il campione di handbike: travolto mentre si allenava

Mercoledì 29 Settembre 2021
Andrea Conti, morto dopo una settimana di agonia il campione di handbike: travolto mentre si allenava

Andrea Conti è morto a 50 anni dopo una settimana di agonia. Le sue condizioni di salute si sono aggravate nella giornata di oggi, 29 settembre, e l'atleta veronese prima è entrato in coma e poi è morto all'ospedale di Borgo Trento a Verona. Fatale per il campione di handbike l'incidente stradale accaduto la scorsa settimana, un terribile schianto frontale tra l'handbike di Conti e un’auto sulla strada tra Bosco Chiesanuova a Cerro Veronese, in provincia di Verona.

 

Zanardi, caso archiviato: «Camionista senza colpa». Ma la famiglia non ci sta

Alex Zanardi come sta, la moglie Daniela: «Riesce a comunicare con noi, ma non è ancora in grado di parlare»

 

L'incidente in handbike

Andrea Conti era stato ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Borgo Trento di Verona dopo quell'incidente sull'handbike mentre si stava allenando in vista dell'ultima prova del Giro d'Italia di handbike, incidente che ha riportato la memoria allo schianto di Alex Zanardi.

 

Vincitore di tre edizioni del Giro d'Italia

Andrea Conti ha vinto tre edizioni del Giro d'Italia nel 2015, 2016 e 2019. Noto anche come il «ciclista-poeta» (nelle occasioni pubbliche in cui era invitato leggeva sempre alcuni dei suoi versi composti in dialetto veronese), Conti si era speso molto negli incontri con le scolaresche per promuovere la sicurezza stradale. Era di Cerro Veronese, compaesano di Damiano Cunego, e a 18 anni era rimasto vittima sulla stessa strada che gli è costata la vita di un incidente che gli aveva causato una lesione cervicale, restando tetraplegico. Nel 2002 si era avvicinato allo sport e al ciclismo, utilizzando le braccia e solo parzialmente le mani. Per spingere l'handbike aveva bisogno di protesi speciali. Gareggiava per il Gsc Giambenini.

Subito dopo l'incidente, il 24 settembre scorso, sulla pagina Facebook del Giro Handbike era comparso un messaggio di sostegno per Conti: «Non riusciamo nemmeno a pensarla una finalissima senza di lui. Andrea è il sole della nostra manifestazione, quel sorriso che non può mancare, è parte integrante della grande famiglia del Giro Handbike. Forza Andrea, ti aspettiamo prestissimo a braccia aperte per cantare ancora una volta tutti insieme. Questa finalissima è dedicata a te!».

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 30 Settembre, 07:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA