Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Feldi Eboli, cuore e grinta non bastano:
il sogno scudetto svanisce a 2' dalla fine

Domenica 26 Giugno 2022 di Giuliano Pisciotta
Feldi Eboli, cuore e grinta non bastano: il sogno scudetto svanisce a 2' dalla fine

Una gara tiratissima, disputata alla pari con i “galacticos” del calcio a 5 italiano. Ma il sogno scudetto della Feldi Eboli svanisce a 2 minuti dalla fine. Italservice Pesaro vince in rimonta per 4-3, dopo aver trascorso un'intera gara a rincorrere i ragazzi di mister Samperi.

I marchigiani hanno a lungo temuto di dover cedere lo scettro del futsal tricolore all'agguerrito roster di patron Di Domenico. Una Feldi che ha fatto tesoro delle imperfezioni di gara 2, scendendo in campo con la giusta sfrontatezza al cospetto dei campioni del pluridecorato tecnico Colini.

Feldi Eboli, l'impresa non riesce: Pesaro porta la finale alla “bella”

Al 4' del primo Selucio porta in vantaggio Eboli su un pallone recuperato al limite dell'area dei marchigiani. Ma il vantaggio dura 30 secondi, con Honorio che in diagonale finalizza un'azione personale di De Oliveira. Nuovo vantaggio ospite al 15' con Calderolli che prova la conclusione dalla linea di fondo, trovando la “topica” di Espindola. Ma all'intervallo si arriva comunque in parità con Taborda, che ribadisce in rete dopo una vistosa deviazione con un braccio di Bissoni.

I ragazzi di Samperi hanno motivazioni da vendere. Al 2' della ripresa Luizinho inventa un “terra-aria” da posizione angolatissima che si insacca sotto l'incrocio dei pali. Poco dopo Italservice resta in inferiorità numerica per l'espulsione di Borruto. Ma i padroni di casa serrano le fila, impedendo a Eboli di allungare il passo. Scampato il pericolo, Pesaro riparte a testa bassa e trova il pari ancora con Taborda ben servito da Salas.

A 2 minuti dal termine, sfruttando il powerplay, Bolo trova in spaccata la deviazione provvidenziale per il 4-3. E a 3 secondi dalla fine la Feldi reclama per un gol annullato a Bissoni per un precedente fallo di Calderolli, immediatamente ravvisato dall'arbitro.

L'Italservice Pesaro festeggia il terzo scudetto consecutivo ma resta la grande stagione della formazione ebolitana, giunta con grande merito alla serie finale e capace di far vacillare concretamente lo strapotere dei marchigiani. E con grande orgoglio patron Di Domenico ha voluto rendere merito alla sua squadra: «Campioni? I miei ragazzi lo sono ogni volta che gettano il cuore oltre l'ostacolo. Grazie alla squadra, grazie allo staff, grazie alla mia famiglia, grazie Eboli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA