Vettel futuro manager della Red Bull? Le parole del consulente Marko che lo ha scoperto e lanciato

«Adesso sta a lui decidere a cosa dedicarsi»

Vettel futuro manager della Red Bull? Le parole del consulente Marko che lo ha scoperto e lanciato
Vettel futuro manager della Red Bull? Le parole del consulente Marko che lo ha scoperto e lanciato
di Massimo Costa
Giovedì 1 Dicembre 2022, 13:27 - Ultimo agg. 17 Dicembre, 11:45
3 Minuti di Lettura

L'idea lanciata da Helmut Marko è certamente suggestiva: Sebastian Vettel suo erede all'interno del team Red Bull. Alla televisione tedesca, il consulente austriaco da sempre amico del compianto Dietrich Mateschitz e in Red Bull fin dal debutto in F1 della squadra, nonché legato al marchio fin da quando gestiva un proprio team di F.3000 negli anni Novanta, ha dichiarato: "E' vero, abbiamo avuto un incontro dopo l'ultima gara di Yas Marina e penso che se Sebastian potesse ottenere una posizione di qualche responsabilità, allora sarebbe attirato di nuovo dall’ambiente F1. Non ritengo così impossibile che torni per un ruolo dirigenziale. Tra poco io avrò 80 anni, e sono tanti". Ricordiamo che il GP di Abu Dhabi è stato per Vettel, 35 anni, l'ultimo della carriera avendo deciso di ritirarsi dalle competizioni.



"Ora gli lasceremo piantare qualche albero (Marko fa la battuta ecologista, ndr), lasciandolo in pace, poi vedremo cosa succederà. Sono convinto che avrebbe il livello e la personalità per ricoprire un ruolo importante in Red Bull. È un uomo di carattere, che capisce il valore delle persone e comprende il contributo che loro darebbero per il successo. Sta a lui decidere a cosa dedicarsi ora. Abbiamo due squadre e siamo completamente aperti a qualsiasi possibilità. Ma per Sebastian c'è una grande differenza: se scegliesse di fare il senior manager, dovrebbe essere sul posto per primo e andare via per ultimo, e si guadagnerebbero molti meno soldi di un pilota”, sorride Marko.

Vettel era stato scoperto da Marko già quando correva in kart ed ha accompagnato la sua carriera permettendogli di correre in Formula 3, World Series Renault 3.5 e infine portandolo in F1, prima con la Toro Rosso (oggi Alpha Tauri) poi con la Red Bull, team nel quale Vettel ha conquistato quattro mondiali consecutivi dal 2010 al 2013. Chissà se in Ferrari hanno mai pensato a Seb per un ruolo importante nella squadra...

© RIPRODUZIONE RISERVATA