Torino-Salernitana, le scelte
di Castori: Ribery in panchina

Venerdì 10 Settembre 2021 di Pasquale Tallarino
Torino-Salernitana, le scelte di Castori: Ribery in panchina

Torino e Salernitana hanno lo stesso colore e lo stesso obiettivo: schiodare lo zero in classifica, perché dà fastidio e non rende merito agli sforzi, anche ai gol. La Salernitana ne aveva fatti due a Bologna, ma è stato come sparare a salve. Poi è arrivata la Roma e la differenza è diventata abissale: trame così veloci e di schiacciante superiorità tecnica, che la Lega Serie A, su Instagram, ieri ha riproposto ancora il sontuoso flipper giallorosso, ammirato all'Arechi. In trasferta, adesso, la Salernitana vuole cominciare a rastrellare punti.

C'è una data, che è anche un incrocio, un ricordo: 3 maggio 2021, ultima vittoria del Torino in casa. Il giorno dopo, in trasferta, la Salernitana passava a Lignano Sabbiadoro contro il Pordenone (poi lo fece anche a Pescara per l'apoteosi), trascinata da due attaccanti. Gondo, che viveva la sua età dell'oro, realizzò un gol speciale, di pallonetto in corsa. Tutino, dagli undici metri, si caricò sulle spalle il peso di una città. Ora Tutino è passato al Parma, la squadra con la quale il Torino vinse il 3 maggio (Gagliolo in campo dal 46') e Gondo è bloccato dalle pastoie burocratiche. La Salernitana attende per Cedric la risposta del Palazzo del calcio, che dovrà dare il via libera o respingere il suo tesseramento. Nel frattempo la prima linea che Castori ha disegnato per affrontare la squadra di Juric allo stadio Olimpico potrà contare su Bonazzoli, un ex, e su Simy. Djuric stringe i denti e va in panchina.

Ribéry si prepara: se servirà, potrà essere utilizzato per legare il gioco. Una licenza, ovviamente con grande spirito di sacrificio e abnegazione ma con piedi diversi, che sarà affidata in avvio ad Obi, altro ex. Il suo apporto, a maggior ragione dopo l'infortunio di Capezzi, dovrà essere prezioso, strategico: un po' mezzala e un po' incursore. Al centro della mediana è ballottaggio tra Di Tacchio e Lassana Coulibaly. Lassana ha bisogno di carburare giocando e il capitano ha partecipato a tutta l'amichevole disputata lo scorso fine settimana. Castori riflette, vuole osservare fino all'ultimo istante utile. A destra si disporranno Mamadou Coulibaly e Kechrida, rientrato dalla Nazionale. A sinistra c'è Ruggeri e alle sue spalle debutterà Gagliolo. Il resto della difesa sarà composto da Strandberg, rientrato, e da Gyomber, contro Sanabria e difficilmente contro il «gallo», Belotti, che pure ieri ha svolto a Torino un lavoro personalizzato.

Il Toro nel 3-4-2-1 di Juric con Izzo, Bremer e Djidji più di Buongiorno (vecchio pupillo di Castori), in mediana Singo, Praet (ringalluzzito dal gol in nazionale, in ballottaggio con Lukic, pronto anche Pobega), Mandragora e Ansaldi (in vantaggio su Aina), Brekalo e Pjaca alle spalle di Sanabria. A proposito di attaccanti, si è fermato (e salterà con tutta probabilità la sfida all'Arechi, il 18 settembre) pure l'atalantino Muriel, a causa di una lesione muscolare. La partita, la prima di due con il bollino rosso, sul fronte tifosi (il 22 c'è l'Hellas Verona), è stata valutata dall'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, anzi il Viminale ha deciso di soprassedere: «Per gli incontri di calcio Salernitana-Atalanta e Salernitana-Hellas Verona l'Osservatorio sospende il giudizio al fine di approfondire l'analisi dei rischi connessi alle gare e, nel contempo, fino all'assunzione di determinazioni in merito, incarica la Lega Nazionali Professionisti di Serie A di non avviare la vendita dei tagliandi per le gare a Salerno». 

Capitolo biglietti disabili: ce ne sono 30 e la Salernitana ha annunciato turnazione. La riunione del GOS è in programma martedì e nel frattempo all'Arechi si lavora all'installazione della illuminotecnica a led. C'è una scadenza: il 16 settembre, due giorni prima di Salernitana-Atalanta, l'ingegnere Carlo Longhi, incaricato dalla Lega, farà di nuovo visita allo stadio e dovrà effettuare la misurazione dei lux raggiunti dal nuovo impianto. Ieri è stato anche effettuato un sopralluogo all'esterno dello stadio. Le prossime due partite casalinghe sono attenzionate: ci sarà implementazione di steward e di agenti per evitare ogni contatto. Dal 22 settembre, invece, cominceranno i lavori preparatori alla installazione dei tornelli doppi. 

Ultimo aggiornamento: 09:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA