Avellino-Bari, le scelte di Braglia:
sarà Matera l'anti-Botta

Mercoledì 1 Dicembre 2021 di Marco Ingino
Avellino-Bari, le scelte di Braglia: sarà Matera l'anti-Botta

Stavolta non ci sono state ramanzine e tantomeno confronti nel chiuso dello spogliatoio. Anzi. Con la ritrovata serenità e la giusta dose di allegria, l'Avellino ha ripreso gli allenamenti in vista del posticipo contro il Bari senza attardarsi più di tanto nel ventre del Partenio-Lombardi. Merito dell'importante vittoria conseguita a Torre del Greco ma anche dell'improvviso capolino fatto dal sole sull'impianto di via Zoccolari dopo una settimana di pioggia incessante e freddo da far tremare i denti. Due buoni motivi per presentarsi subito davanti al mini plotone di cameraman, fotografi e giornalisti ammessi per un'ora a settimana all'allenamento della ripresa che, come avviene di consueto, vede in prima linea coloro i quali non hanno preso parte alle fatiche della gara precedente. Trama che si è ripetuta pure ieri con Kanoute tenuto a riposo precauzionale e gli undici eroi del Liguori impegnati a lavorare a parte. Nell'altra metà campo, invece, chi come Sbraga, Scognamiglio e Mastalli era rimasto a guardare i compagni a Torre del Greco ne ha approfittato per una partitella a ritmi abbastanza sostenuti sotto lo sguardo, attento e vigile, di Piero Braglia. Con squadre miste e senza specifici accorgimenti tattici, il tecnico ed il suo vice De Simone si sono limitati ad incitare il gruppo che lunedì è atteso ad uno snodo cruciale della stagione. Vincere contro il Bari, infatti, per l'Avellino potrebbe significare riaprire in maniera prepotente lo spiraglio della lotta al primato dal momento che la distanza dalla vetta si accorcerebbe da 9 a 6 punti.

Con un giorno in più rispetto al consueto programma di lavoro, intanto, da questo pomeriggio lo staff tecnico inizierà a catechizzare Maniero e compagni sulla strategia da adottare contro i pugliesi. Come dimostrato dal recente cambio del modulo adottato al Liguori, dove dal 4-2-3-1 si è passati allo speculare 3-4-3 della squadra allenata da Bruno Caneo, una delle caratteristiche dell'attuale Avellino (quando è ad organico completo) è proprio quella di poter mutare facilmente l'atteggiamento tattico. Eventualità da non escludere neppure contro la capolista allenata da Michele Mignani che nelle ultime uscite si sta esaltando soprattutto in fase offensiva con il suo 4-3-1-2 che vede il fantasista Ruben Botta posizionato alle spalle delle bocche di fuoco Antenucci e Paponi. Proprio la posizione che assume tra le linee il funambolico argentino, capace in 16 gare di segnare 3 gol ma soprattutto fornire 7 assist vincenti, potrebbe indurre Braglia ad aggiungere un altro uomo in mediana (in questo caso Matera è nettamente favorito su De Francesco ed Aloi) accorciando la coperta in difesa con l'uscita di Bove. Soluzione che sta già prendendo corpo da inizio settimana perché passando al 4-3-3, oltre ad avere un uomo da destinare alla marcatura di Botta, Braglia avrebbe la possibilità di riportare Carriero e D'Angelo nei loro ruoli naturali.

Da ieri è partita la prevendita per assistere al posticipo di lunedì sera che sarà trasmesso anche da Raisport. Malgrado la copertura televisiva in chiaro, al Partenio Lombardi dovrebbe registrarsi il record di presenze casalinghe anche perché quest'anno i paganti hanno superato di poco le tremila unità soltanto nella gara di esordio contro il Campobasso. Alla luce dell'importanza della posta in palio, ma anche della storica rivalità tra le due tifoserie, la quota appare alla portata già in settimana nel corso della consueta vendita dei tagliandi al botteghino. Questi i prezzi dei biglietti: Curva Sud 15 euro, ridotto 10; Tribuna Terminio, intero 20 euro, ridotto 15; Tribuna Montevergine laterale intero 35 euro, ridotto 30. Con l'obiettivo di favorire un maggiore afflusso anche di giovani e anziani, però, sono previste agevolazioni agli under 15 (per i nati a partire dal 01/01/2006) e gli over 70 (per i nati fino al 31/12/1951). Inoltre agli iscritti ai forum dei giovani di Montoro, Venticano, Frigento, Andretta, Santa Paolina, Torella dei Lombardi, Salza Irpina, Grottolella, Caposele e Serino, che hanno aderito all'iniziativa del Maps di Cassano Irpino, è stato concesso (entro il 3 dicembre) di acquistare un tagliando al prezzo di 10 euro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA