Il Napoli sceglie il portiere:
​in lizza Szczesny e Neto

Martedì 25 Aprile 2017 di Pino Taormina
Mertens sta riflettendo. E il Napoli resta al centro dei suoi pensieri. Per De Laurentiis il più è fatto. Il club azzurro e il belga si sono riavvicinati nelle ultime due settimane in maniera che pare decisiva. De Laurentiis è stato chiaro: ora tocca alla moglie dire l'ultima parola. Il Napoli è davvero davanti a tutti e l'ultima accelerazione, con offerta di ingaggio portata a quasi 3,5 milioni di euro per i prossimi 4 anni, pare abbia messo fuorigioco i tormenti personali del bomber. A quanto è dato sapere, il passo in avanti decisivo è stato determinato dalla decisione azzurra di concedere all'attaccante una clausola di circa 18 milioni di euro con cui potrebbe liberarsi a partire dall'estate del 2018. La trattativa non è semplice proprio perché la moglie Kat ha ribadito più volte di non voler tornare a Napoli.
Non è una questione di poco conto ed è per questo De Laurentiis non intende mettere fretta agli agenti del belga: anche perché, in ogni caso, anche senza rinnovo l'intenzione del Napoli è di non lasciar partite Mertens, correndo il rischio di portarlo a scadenza. Vedremo. I bene informati sostengono che i manager di Dries potrebbe tornare nei prossimi giorni per formalizzare il sì all'offerta azzurra negli uffici di Filmauro.

Sul fronte degli attaccanti, dunque, in caso (probabilissimo) di conferma di Mertens, non ci saranno ritocchi. Difficilmente Zapata, che rientra dal prestito all'Udinese, resterà in rosa. L'intenzione è quella di dare fiducia a Pavoletti. Il Napoli cerca un portiere. E i nomi in agenda sono due: il polacco della Roma, ma di proprietà dell'Arsenal, Wojciech Szczesny (il suo agente Vigorelli si sta dando un gran da fare con i Gunners per portarlo al Napoli) e il brasiliano della Juventus, Neto. Nell'ultima riunione di Lega, ci sono stati dei contatti in questa direzione tra club azzurro e bianconero. Un po' defilato resta Mattia Perin: in realtà, se non avesse rimediato due rotture di legamenti in pochi mesi, sarebbe il candidato principale. E piace tanto anche il portiere rivelazione dell'Empoli Skorupski, 25 anni, ma che la Roma che detiene il cartellino rivuole alla base. E Reina? Resterà. A patto che dia la sua disponibilità ad alternarsi con il suo successore ma il Napoli non pare essere intenzionato ad allungargli fino al 2019 il contratto. Sirigu e Viviano, pur proposti, non sembrano far impazzire De Laurentiis.

Altra priorità i terzini: Ghoulam e Maggio andranno via. E allora, l'elenco dei papabili alla successione è assai lungo. Grimaldo del Benfica piace da tempo ma la sua quotazione (30 milioni) al momento tiene il ds Giuntoli alla larga. Si continua ad attendere segnali dall'Atalanta per Andrea Conti su cui c'è mezza serie A; tra le piste seguite c'è quella di Jordan Amavi, 23 anni, pagato dall'Aston Villa 13 milioni al Nizza. Widmer piace, ma la trattativa ancora non decolla. Dell'Udinese piace Samir, 22 anni, centrale difensivo. Occhio a De Sciglio: se i cinesi che guidano ora il Milan lo metteno sul mercato, il Napoli è pronto a fare la sua offerta.

C'è un baby che alletta: è di proprietà del Bari ma gioca nella Fiorentina Primavera. Si chiama Scalera e se Della Valle non rinnoverà il prestito con i pugliesi, c'è il Napoli pronto a farsi sotto. Koulibaly è assai corteggiato in Premier ed è l'unico tra i difensori ad avere una clausola (58 milioni): il Chelsea non si è rifatto vivo dopo il no del Napoli dell'estate scorsa ma l'Everton ha già bussato alla porta di Satin. © RIPRODUZIONE RISERVATA