Il basilico più ricco di aroma? Lo coltiva l'intelligenza artificiale

Il basilico più ricco di aroma? Lo coltiva l'intelligenza artificiale: è cyber-agricoltura
ARTICOLI CORRELATI
Alla sua prima esperienza da contadino, l'intelligenza artificiale si rivela la migliore: ha coltivato il basilico più ricco di aroma senza modifiche al Dna, ma grazie ad un algoritmo di apprendimento automatico, che ha valutato milioni di dati per trovare le condizioni ottimali con cui ottenere il sapore più gustoso. La ricerca del Massachusetts Institute of Technology (Mit), pubblicata su "Plos One", è il primo passo della cosiddetta cyber-agricoltura: ora i ricercatori puntano ad aumentare le proprietà medicinali di alcune piante e ad aiutare le coltivazioni ad adattarsi ai cambiamenti climatici. I ricercatori guidati da Arielle Johnson ed Elliot Meyerson hanno coltivato il basilico in fattorie verticali, sottoponendolo a diverse condizioni.

Ribes, perilla, camomilla: i rimedi naturali contro le allergie

Pasqua, menù salva-agnelli dello chef vegano Simone Salvini

 
 

Tutte le informazioni, poi, sono state elaborate da un algoritmo di apprendimento automatico, che ha valutato milioni di possibili combinazioni: con sorpresa dei ricercatori, è risultato che il sapore migliore si ottiene con un'esposizione alla luce i 24 ore al giorno. Adesso gli autori dello studio stanno cercando di ottenere piante di basilico più ricche di sostanze che aiutano a combattere diverse malattie, come il diabete, e di aumentare le rese di erbe medicinali come la pervinca del Madagascar, unica fonte di alcune molecole anticancro. Un'altra importante applicazione della cyber-agricoltura è l'adattamento ai cambiamenti climatici: in questo ambito il gruppo di ricerca sta già conducendo esperimenti sugli alberi di nocciole per la multinazionale Ferrero, che consuma il 25% delle nocciole coltivate al mondo.
Domenica 7 Aprile 2019, 22:02 - Ultimo aggiornamento: 07-04-2019 22:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP