Carabinieri rapinatori, choc in Campania. Colpo al supermarket: ucciso il titolare, 9 feriti. La svolta nelle indagini: arrestati i due militari | Vd

ARTICOLI CORRELATI
Un morto e nove feriti in una mancata rapina in un supermercato, con la clamorosa svolta nelle indagini che arriva ieri sera: due carabinieri in congedo vengono sottoposti a fermo per rapina aggravata e tentato omicidio plurimo. Succede a Ottaviano, dove ieri si sono vissute scene da far west con sparatorie fra la folla, inseguimenti e incidenti stradali. I due carabinieri, Claudio Vitale, 41 anni, di Cercola e Iacopo Nichetto, 34 anni, di Chioggia (Venezia), entrambi in forza al battaglione Veneto di stanza a Mestre e in congedo ordinario in Campania, sono stati subito sospesi dal servizio. Entrambi sono feriti e si trovano piantonati in ospedale. Non si esclude la presenza di altri complici.



Non ce l'ha fatta Pasquale Prisco, 30 anni, proprietario del supermercato, che già era arrivato in condizioni gravissime all'ospedale di Sarno: neanche l'operazione alla quale è stato sottoposto è stata sufficiente a salvargli la vita. Prisco era stato protagonista, assieme a suo fratello e a due dipendenti del locale, dell'inseguimento ai rapinatori sfociato nella sparatoria sulla Statale 268. Degli altri sette feriti quattro sono in prognosi riservata.








VIDEO 1







Le quattro vittime della rapina, infatti, avrebbero inseguito i carabinieri-rapinatori a folle velocità, fino a speronarli. Uno dei due sarebbe stato picchiato, l'altro avrebbe aperto il fuoco (colpendo anche il vollega, tra l'altro). Pasquale Prisco ha ricevuto tre proiettili all’addome. In gravi condizioni anche un dipendente, al quale è stata asportata la milza all’ospedale di Nola: ha il fegato spappolato e problemi al rene.



VIDEO 2





I quattro inseguitori hanno incrociato l’auto dei rapinatori proprio all’altezza dell’imbocco della 268 ad Ottaviano, in via Ferrovia dello Stato. Una corsa folle, lungo un’arteria solitamente molto trafficata. La macchina dei fratelli Prisco, tra le uscite di Ottaviano e Palma Campania, riesce a speronare quella dei rapinatori: i due imprenditori aggrediscono i banditi, forse uno di loro viene addirittura disarmato. Ma l'altro spara all’impazzata, così i due rapinatori riescono pure a farsi portare all'ospedale, salendo su un’ambulanza che nel frattempo stata percorrendo la 268 e si era fermata per prestare soccorso. Ore vissute da eroi che avevano sventato una rapina; poi, in serata, l'amara verità.












(hanno collaborato Pino Cerciello, Francesco Gravetti e Rossella Liguori)
Mercoledì 25 Marzo 2015, 14:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP