Tifosi del Napoli aggrediti a Roma
dopo la partita contro la Lazio
«Non si può rischiare la vita così»

8
  • 3156
«Siete dei Napoletani di merda». E poi l'aggressione, le botte e una fuga prima che si degenerasse in qualcosa di peggio. È accaduto a Roma, dopo la partita Lazio-Napoli, terminata 1-4 per la squadra partenopea. A raccontare la vicenda a Il Mattino.it un tifoso napoletano, Antonio Bene.

«Ero insieme a un amico allo Stadio Olimpico per la partita. Quando siamo usciti, almeno un'ora dopo la fine del match visto che eravamo nel settore ospiti, ci siamo incamminati verso la nostra macchina parcheggiata nei pressi della Questura di Polizia di via Remi, a circa 1,4 chilometri dallo stadio, lasciata lì proprio perché volevamo stare tranquilli».

Invece, proprio a cento metri dall'auto, ecco arrivare l'inattesa imboscata.
«Erano in sette, forse in otto, bendati con cinture, caschi in mano e guantoni - racconta il tifoso partenopeo -. Inizialmente ci hanno urlato "Forza Napoli" per vedere come rispondevamo ma abbiamo fatto finta di nulla. Avevamo capito che non erano napoletani dal loro accento, ma poi si sono avvicinati e hanno provato a menarci urlando "Siete dei Napoletani di merda"».

Dopo un paio di cazzoti i giovani tifosi sono riusciti a scappare via. Quindi sono stati rincorsi ma sono riusciti a seminare gli inseguitori e a denunciare tutto alla polizia.
«Pensate un po' se fossi caduto cosa avrebbero potuto combinarmi - conclude il tifoso -. Tutto ciò è uno schifo. Non si può rischiare la vita per una partita di calcio. Fanno passare proprio la voglia di seguire questo sport soprattutto a noi tifosi che amiamo solamente il calcio e la propria squadra del cuore».
Giovedì 21 Settembre 2017, 18:19 - Ultimo aggiornamento: 22-09-2017 13:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-09-24 10:21:09
È uno schifo. La colpa e di chi gestisce. Cori che incitano il Vesuvio e che fanno? Una multa ma che scherziamo. Mettiamoli in cella x qualche anno. In Inghilterra avevano gli holligans hanno messo le celle negli stadi e deciso pene certe e coso oggi vai ad una partita con la famiglia e sei tranquillo. In Italia danno ii daspo ma poi li trovi tutti allo stadio. Pene certe e vedrete che finirà tutto.
2017-09-22 08:56:18
La cosa diventa ogni anno più pericolosa, basta leggere i commenti sui forum del corriere dello sport o su facebook, gentaglia sempre più violenta, dichiarazione sempre più pesanti, purtroppo viviamo un'epoca di degrado morale che fa terrore! Dovrebbero essere messe in atto iniziative "tolleranza zero" compreso il reato di discriminazione razziale e territoriale sul web, partita persa e squalifica del campo ad ogni incidente dentro e fuori lo stadio, ci vuole un attimo a fare una legge, ma Fiano e compagni sono troppo impegnati sul fronte della lotta ai simboli del fascismo di 70 anni fa.
2017-09-21 23:20:07
Città vigliacca. Tra laziali e romanisti non c'è differenza. E Ciro Esposito non ha ancora avuto giustizia.
2017-09-21 21:36:34
E cosi anche tu un giorno di notorietà. La colpa è tua, e ti è andata bene,in determinate trasferte non si va a fare la scampagnata. Chi conosce dinamiche da stadio ,lo sa. La prossima volta gai più attenzione , il calcio.non sarà mai uno sport ,ricordatelo. Un napoletano,tifoso del napoli ,vecchio.ultras.
2017-09-21 20:51:44
bisogna capire gli aggressori....ne hanno prese tante da noi Napoletani in ogni posto.....sulle autostrade , sul lungotevere etc etc.....piuttosto Mai andare isolati , il rischio e' proprio questo

QUICKMAP