Magistrati onorari a Napoli in sciopero contro riforma

Nell'ambito dello stato di agitazione a livello nazionale della Magistratura Onoraria, si fermano a dicembre anche i vice procuratori onorari della Campania. Lo rendono noto le associazioni di categoria che riferiscono di uno stop previsto per tutto il mese a Torre Annunziata e dal 7 all'11 dicembre a Napoli e Salerno. La protesta, si legge nella nota, riguarda la recente legge di riforma della magistratura onoraria, il DDL 1738, già licenziato dalla Commissione Giustizia del Senato.

Tale normativa, secondo i magistrati onorari che protestano, non recepisce alcuna delle aspettative della categoria, che raggruppa circa 3600 magistrati, così detti non di carriera, che con il loro lavoro coprono il 72% delle attività delle Procure della Repubblica ed il 90% delle udienze monocratiche. I compensi - si legge - sono mere indennità giornaliere, non hanno contributi previdenziali, ferie, indennità di malattia e maternità. Il disegno di legge di riforma del Governo Renzi continua a negare lo status di lavoratori dei magistrati onorari poiché non riconosce loro diritti ma aumenta le competenze, prevede un incarico rinnovabile tre volte, così istituzionalizzando la precarietà, senza fare salvi nemmeno coloro che ormai da oltre vent'anni sono inseriti nell'amministrazione della giustizia, per i quali non prevede alcuna stabilizzazione.
Venerdì 4 Dicembre 2015, 18:08 - Ultimo aggiornamento: 04-12-2015 18:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP